Juve, Moggi ad Agnelli: “Il suo perdono? Merito elogi…”

Juve, Moggi ad Agnelli: “Il suo perdono? Merito elogi…”

TORINO – “Ringrazio Andrea Agnelli, ma di perdono non ne ho bisogno. Semmai un elogio per quello che ho fatto…”. Così Luciano Moggi all’Ansa, dopo il “perdono” del presidente della Juve per le vicende di Calciopoli. “C’erano venti squadre e si comportavano nella stessa maniera – aggiunge – ma solo…

TORINO – “Ringrazio Andrea Agnelli, ma di perdono non ne ho bisogno. Semmai un elogio per quello che ho fatto…”. Così Luciano Moggi all’Ansa, dopo il “perdono” del presidente della Juve per le vicende di Calciopoli. “C’erano venti squadre e si comportavano nella stessa maniera – aggiunge – ma solo la Juve ha pagato perchè dava fastidio”. 

 

“Mi spiace – aggiunge Moggi – che i giornali abbiano riportato soltanto le parole sul perdono di Andrea Agnelli, che ringrazio per avere detto che sono una parte importante della storia della Juventus. Dai processi è emerso che c’erano venti squadre che si comportavano tutte nello stesso modo: ieri sera il presidente Agnelli lo ha giustamente fatto notare, ma i giornali si sono limitati a parlare del perdono”. Inutile chiedergli se, dopo essere tornato allo Juventus stadium, sogni di tornare ad avere un ruolo attivo nel calcio nonostante la condanna e la radiazione. “Di questo preferisco non parlare, aspetto la Cassazione. Ma anche dire che sono stato condannato è falso: il nostro sistema prevede tre gradi di giudizio, aspettiamo che la sentenza diventi definitiva”.

Andrea Agnelli nella serata di venerdì aveva aperto a Luciano Moggi, l’uomo chiave della vicenda Calciopoli che portò alla retrocessione della Juventus in Serie B per la prima volta nella storia. “Luciano Moggi rappresenta comunque una parte importante della nostra storia. Siamo il Paese del cattolicesimo e del perdono. Lo possiamo anche perdonare”. (repubblica.it)

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy