Juve, Llorente avvisa la Juventus: “Roma fortissima, più dura per lo Scudetto”

Juve, Llorente avvisa la Juventus: “Roma fortissima, più dura per lo Scudetto”

Avanti Juventus. Ci pensa Fernando Llorente a rilanciare il grido di battaglia della formazione bianconera, reduce dal sofferto successo nel derby di Torino. La Roma – vedasi il match vittorioso contro l’Inter – non scherza ma la Vecchia Signora ha un grande pregio: quello di non mollare mai, come evidenziato…

Avanti Juventus. Ci pensa Fernando Llorente a rilanciare il grido di battaglia della formazione bianconera, reduce dal sofferto successo nel derby di Torino. La Roma – vedasi il match vittorioso contro l’Inter – non scherza ma la Vecchia Signora ha un grande pregio: quello di non mollare mai, come evidenziato dallo spagnolo, ospite ieri alla trasmissione televisiva di Italia 1 ‘Tiki Taka’.

 

Torino? Un successo del genere ci ha dato tanta carica – ha ammesso Llorente – Il derby si è confermato un match difficile nel quale per fortuna siamo riusciti a conquistare i tre punti. Non abbiamo giocato bene, ma anche in 10 abbiamo cercato la vittoria perché la Juventus ci crede sempre. E’ uno dei nostri segreti. Complimenti comunque al Torino che è una delle formazioni che finora ci ha creato le maggiori difficoltà“.

Llorente non credeva più ai tre punti dopo il rosso a Lichtsteiner: “Sinceramente pensavo che fosse una partita impossibile da vincere e invece Pirlo nel giorno di Sant’Andrea ha fatto un miracolo… Lui è un ragazzo introverso, ma anche meraviglioso per chi lo conosce bene. Nel suo ruolo è uno dei più grandi della storia“.

Per il titolo, occhio alla coriacea Roma di Garcia: “L’ho vista contro l’Inter ed è fortissima. Totti, Gervinho, Pjanic e Nainggolan stanno facendo la differenza e vincere lo Scudetto sarà più difficile che in passato, ma sono convinto che ce la faremo a ripeterci“.

Llorente, che non si sbilancia sulle prospettive della Juventus in Champions (“Battiamo l’Atletico e poi si vedrà“), si lancia poi in un confronto Conte-Allegri: “Sono diversi come carattere, ma sono entrambi grandi allenatori e lo stanno dimostrando. Per Allegri non era semplice arrivare dopo Conte e invece si è subito inserito e sta confermando la squadra sul livello della gestione precedente. Mi piace il nuovo modulo anche se quest’anno devo fare cose diverse rispetto al passato“. (goal.com)

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy