JUVE-LAZIO 4-1 – SuperJuve! Altro poker alla Lazio

JUVE-LAZIO 4-1 – SuperJuve! Altro poker alla Lazio

Nel corso della conferenza di ieri, Antonio Conte aveva messo in guardia i suoi. “Non sarà lo stesso match della Supercoppa”, aveva detto per caricare i suoi ed evitare cali di tensione. Le sue parole devono aver avuto effetto, visto il roboante avvio dei bianconeri che chiudono la Lazio nella…

Nel corso della conferenza di ieri, Antonio Conte aveva messo in guardia i suoi. “Non sarà lo stesso match della Supercoppa”, aveva detto per caricare i suoi ed evitare cali di tensione. Le sue parole devono aver avuto effetto, visto il roboante avvio dei bianconeri che chiudono la Lazio nella propria metà campo: quando i biancocelesti recuperano la sfera, vengono pressati all’ istante e costretti all’ errore dai centrocampisti e dai difensori della Vecchia Signora. Al 14′ gli sforzi bianconeri vengono premiati: Pogba con un tocco vellutato pesca Vidal in area, controllo e tiro del cileno che prende in controtempo Marchetti in uscita e la Juve passa in vantaggio. La Lazio tenta la reazione e si rende pericolosa con una conclusione dalla distanza di Candreva, ma al 26′ Bonucci con un lancio perfetto pesca di nuovo Vidal: stop di destro, tiro col mancino ed è raddoppio e doppietta personale per il Guerriero. Passa un solo minuto, però, e la Lazio accorcia le distanze con Klose, lesto a ribadire in rete la conclusione di Hernanes respinta da Buffon. La Juventus accusa un po’ il colpo, mentre la Lazio prende coraggio e tenta di affondare il colpo, ma Buffon fa buona guardia sulla conclusione di Hernanes in chiusura di tempo. Si va al riposo sul 2-1, ma i biancocelesti hanno saputo reagire dopo le difficoltà dei primi 25′.

In avvio di ripresa, è ancora il piede fatato di Leonardo Bonucci il protagonista: lancio chirurgico per lo scatto di Mirko Vucinic che brucia sul tempo il suo marcatore; il piatto destro del montenegrino batte Marchetti in uscita e vale il 3-1 al 49′. Dieci minuto dopo la Lazio resta in inferiorità per l’ espulsione di Hernanes: il brasiliano, già ammonito nel primo tempo, colpisce la palla di mano in area “alla Maradona”, ma Tagliavento non ci casca e lo manda negli spogliatoi in anticipo. La Juventus amministra senza patemi d’animo la gara, anzi, continua a creare occasioni: Tevez al 70′ va vicino al poker, ma la sua botta dal limite si stampa sulla traversa. Appuntamento solo rimandato per l’ argentino, che all’ 80′ batte Marchetti con un fendente di destro diretto all’ angolino; l’ ex Citizens mostra la maglia con la scritta “Fuerte Apache”, il quartiere dove è nato e cresciuto e da cui ha preso il soprannome. Troppa Juve per la Lazio, dunque: nel giro di due settimane, i bianconeri infliggono un altro poker ai danni dei capitolini dopo quello in Supercoppa. 

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy