Juve, Allegri: “Siamo la Juve, possiamo solo vincere”

Juve, Allegri: “Siamo la Juve, possiamo solo vincere”

MALMOE – «In fondo il nostro cammino in Champions League finora è stato buono. Abbiamo vinto la prima contro il Malmoe, e non è una cosa così facile come si possa pensare, poi abbiamo perso immeritatamente contro l’Atletico e abbiamo vinto bene con l’Olympiacos». Massimiliamo Allegri è la star della…

MALMOE «In fondo il nostro cammino in Champions League finora è stato buono. Abbiamo vinto la prima contro il Malmoe, e non è una cosa così facile come si possa pensare, poi abbiamo perso immeritatamente contro l’Atletico e abbiamo vinto bene con l’Olympiacos». Massimiliamo Allegri è la star della rivista della Champions, con una grande intervista che lo presenta come l’allenatore che deve far compiere alla Juventus il salto di qualità europeo. E il titolo è indicativo: «Siamo la Juventus, dobbiamo vincere», dice Allegri, ricordando come la filosofia del club non ammetta altro obiettivo che la vittoria.

 

GRANDE GRUPPO – Parlando del suo improvviso approdo alla Juventus, Allegri ha spiegato: «Ho trovato un gruppo molto solido e una grande mentalità. Tutti i giocatori sono smaniosi di ripetersi in Italia e di provare un’impresa in Europa. Il successo di una stagione alla Juventus si misura solo in un modo: con i titoli vinti. Vincere la Champions League è difficilissimo, ma credo che la squadra abbia le qualità per provarci».

CHE CENTROCAMPO! – Sul sistema di gioco, il tecnico dice: «Ho trovato la squadra che aveva memorizzato un 3-5-2 con il quale aveva vinto tre scudetti di fila, non ho avuto il tempo per cambiarlo subito e non sarebbe stato neppure giusto. Adesso diciamo che l’ho leggermente modificato».Curiosamente, nel rispondere alla domanda sul suo grande centrocampo, non cita Vidal, elencando Pirlo, Pogba, Marchisio e Pereyra come «giocatori che ho la fortuna di allenare». E riferendosi al francese lo definisce: «Il migliore giovane centrocampista del mondo».

LE ROI – D’altra parte con i francesi, Allegri sembra avere un certo feeling, visto che alla domanda: «Chi l’ha ispirata come allenatore o come calciatore», la risposta è immediata: «Michel Platini. E non solo per le sue incredibili qualità come giocatore, ma anche per la sua intelligenza». (tuttosport)

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy