Juve, Agnelli: “Calcio italiano indietro? Si parla solo di banane…”

Juve, Agnelli: “Calcio italiano indietro? Si parla solo di banane…”

ROMA – “Ad agosto abbiamo le elezioni federali ed un candidato (Carlo Tavecchio, ndr) parla di giocatori che mangiano banane…”. Il presidente della Juventus Andrea Agnelli da Giakarta parla dell’incapacità del sistema calcio italiano di stare al passo con i tempi e della mancanza di un’idea comune di obiettivo futuro.…

ROMA – “Ad agosto abbiamo le elezioni federali ed un candidato (Carlo Tavecchio, ndr) parla di giocatori che mangiano banane…”. Il presidente della Juventus Andrea Agnelli da Giakarta parla dell’incapacità del sistema calcio italiano di stare al passo con i tempi e della mancanza di un’idea comune di obiettivo futuro. E non può mancare una stoccata al veleno nei confronti di Tavecchio.  Per la corsa alla presidenza federale si avvicina il giorno della verità: l’Assemblea elettiva della Figc, chiamata a scegliere il nuovo Presidente federale dopo le dimissioni di Giancarlo Abete, si svolgerà lunedì 11 agosto presso l’Hotel Hilton dell’aeroporto di Fiumicino dalle 11.30. Prima dell’appuntamento di lunedì è in programma l’assemblea della Lega di serie B (giovedì pomeriggio, sarà svelato anche il calendario del campionato).  Tavecchio, nonostante le dichiarazioni sui giocatori extracomunitari mangiatori di banane, continua ad avere una larga maggioranza nei confronti di Albertini, ma le parole e gli attacchi nei suoi confronti del presidente del Coni Giovanni Malagò nell’intervista a Repubblica lasciano le porte aperte a nuovi scenari: “Mi aspetto un epilogo a sorpresa, Tavecchio ha troppe cambiali, commissariamento ipotesi positiva”, ha detto il n.1 dello sport italiano. Ha illustrato con chiarezza la situazione il presidente del Cesena, Giorgio Lugaresi: “Abbiamo deciso in assemblea di Lega serie A di appoggiare la candidatura di Carlo Tavecchio. Eravamo diciotto i club favorevoli e sulla stessa linea, con le sole defezioni della Roma e della Juventus. Poi c’è stata la conferenza infelice di Tavecchio, che ha messo in imbarazzo tutti.

 

Ogni presidente di serie A è libero di sdoganarsi dalla posizione dell’assemblea e di esprimere il proprio voto”. Poi il n.1 del club romagnolo, ai microfoni di Sky, ha aggiunto: “Assistiamo ad un calcio sempre più colmo di problemi: lo scorso anno un ragazzo dell’Atalanta è stato squalificato per episodi di razzismo e la Federazione è stata giustamente molto dura. Chi deve guidare la Federcalcio ora deve essere al di sopra di ogni sospetto e soprattutto deve avere immagine pulita e dare il buon esempio. Il fatto che da un paio di settimane si parli solo di banane e di queste vicende è chiaramente negativo. Deciderò cosa votare l’11 secondo coscienza. E’ chiaro che in questo momento non sono convinto sul nome di Tavecchio: se mi farà cambiare idea sarò lieto di votarlo”, ha proseguito Giorgio Lugaresi. Che però non sembra neanche convinto da Albertini: “Lo conosco poco. Mi ha fatto una buona impressione: non so però cosa potrebbe fare da presidente della Federcalcio. Certamente noi del mondo del calcio abbiamo avuto troppo poco tempo per riorganizzarci, dopo le dimissioni di Giancarlo Abete. Per certe cose ci vorrebbe un confronto maggiore sui programmi e sulle ideee da portare avanti”, ha concluso il massimo dirigente del Cesena.
 E Albertini intanto non risparmia una stoccata a Claudio Lotito, grande elettore del suo avversario Tavecchio: “Noto che Lotito è onnipresente alle assemblee, più dei due candidati”. Questo il tweet dell’ex giocatore del Milan rivolto al presidente della Lazio, che ha partecipato nelle ultime settimane alle assemblea della Lega Serie A, della Lega Pro e della Lega Dilettanti. (repubblica.it)

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy