IULIANO: “I bianconeri si stanno risparmiando per il mondiale”

IULIANO: “I bianconeri si stanno risparmiando per il mondiale”

Il rendimento recente di Paul Pogba, ma anche quello di Arturo Vidal, al netto dei fastidi al ginocchio accusati dal cileno, sollevano un interrogativo: anche solo a livello inconscio, ma qualche bianconero si sta risparmiando in vista del Mondiale? Claudio Marchisio, parlando a Sky, garantisce che non è così: «Abbiamo…

Il rendimento recente di Paul Pogba, ma anche quello di Arturo Vidal, al netto dei fastidi al ginocchio accusati dal cileno, sollevano un interrogativo: anche solo a livello inconscio, ma qualche bianconero si sta risparmiando in vista del Mondiale? Claudio Marchisio, parlando a Sky, garantisce che non è così: «Abbiamo ancora tanta energia: lo si vede in campo e abbiamo il conforto dei test fisici ai quali ci siamo sottoposti. Ci stiamo allenando bene, siamo carichi e puntiamo a giocarci la finale di Coppa a Torino. Per vincere, si intende: sarebbe un grandissimo traguardo e potremmo iniziare la prossima stagione disputando la Supercoppa Europea». Altro che Juve bollita, quindi. Quella che sgobba a Vinovo e passa rapidamente da un impegno all’altro (stasera sarà a Udine, con l’obiettivo di rimettere la Roma a -8), è una squadra che ha batterie Duracell, quelle che rilasciano energia quando le altre si scaricano. La prova del 9, comunque, arriverà al Friuli. 

 

 

«FRENO A MANO» – Qualcuno, e ogni riferimento a Pogba è puramente voluto, ascoltando il proprio ct potrebbe aver fatto due conti. «Pogba sta giocando tanto: la Juve e Antonio Conte non possono risparmiarlo perché sta disputando una grande stagione. E di mezzo c’è pure la Coppa. Però è giovane, con Paul bisogna stare attenti». L’ammonizione è arrivata da Didier Deschamps, ct della Francia che ha nel Polpo – chissà quanto sensibile alle parole dell’ex allenatore della Juventus -, l’ago della bilancia della mediana transalpina. Un punto di vista che ribalta la posizione di Deschamps, e quella di ogni altro commissario tecnico che teme di ricevere in Nazionale la spremuta di un bianconero, e non la sua versione tirata a lucido, arriva da Mark Iuliano. Vincitore dello scudetto nel 2002 con la Juventus, prima di prendere parte al Mondiale di Giappone e Corea. «Non credo che qualcuno, tra i giocatori di Conte, possa pensare di risparmiarsi in vista del Mondiale. Psicologicamente hanno tutto da guadagnare, se si spenderanno al massimo per vincere su due fronti. E poi un conto è andare in Estremo Oriente, un altro in Brasile. Già solo il contesto, per gli azzurri che voleranno in Sud America, è sufficiente per non far sentire la stanchezza. Ma, soprattutto, i bianconeri hanno la chance di arrivare al Mondiale con l’autostima pompata a mille. Conoscendo l’ambiente non vedo come la Juve possa bruciare il vantaggio che ha sulla Roma. In più hanno buone chance di andare in finale di Europa League. Dovessero vincere anche la Coppa, in Brasile potranno camminare a un metro da terra. Ma, questo è chiaro, nello sprint finale dovranno guardarsi dagli infortuni. L’importante è arrivare in Nazionale senza affaticamenti muscolari, o problemi simili che possano condizionare la preparazione. ;Nonostante la Champions, uno scudetto vinto all’ultima giornata (a Udine, ndr), e una finale di Coppa Italia, io in Giappone ero in splendida forma».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy