Fonseca: “Juve, se vinci con la Roma hai in mano il 70% dello scudetto”

Fonseca: “Juve, se vinci con la Roma hai in mano il 70% dello scudetto”

TORINO – Prima di diventare procuratore, Daniel Fonseca è stato uno dei protagonisti del calcio italiano negli anni ’90, con le maglie di Napoli, Roma e Juventus. Intervistato dal quotidiano Tuttosport, l’ex attaccante uruguagio ha parlato della squadra bianconera e dell’imminente sfida tra la Vecchia Signora ed i giallorossi: “Llorente?…

TORINO – Prima di diventare procuratore, Daniel Fonseca è stato uno dei protagonisti del calcio italiano negli anni ’90, con le maglie di Napoli, Roma e Juventus. Intervistato dal quotidiano Tuttosport, l’ex attaccante uruguagio ha parlato della squadra bianconera e dell’imminente sfida tra la Vecchia Signora ed i giallorossi:  “Llorente? Non avevo dubbi che sarebbe esploso anche nella Juve: un periodo per ingranare dopo quasi un anno ai margini è fisiologico. Lo spagnolo è una forza della natura: crea spazi e sa far salire la squadra. Io a Torino sono stato bloccato dagli infortuni al tendine e non giocare per otto mesi e poi ripartire non è facile: avendolo provato sulla mia pelle, le difficoltà iniziali di Llorente non mi hanno sorpreso”.

Fonseca si è soffermato anche su Carlos Tevez:  “Ammiro la sua completezza: ha tecnica sopraffina, sensibilità nell’assist e uno spirito da guerriero. E’ un top player assoluto, un colpo indovinatissimo, perché quelli come lui amano le sfide e alla Juve ne sta vincendo un’altra. Non viene convocato in Nazionale? Non so se ci sia qualche trama contro Tevez, ma di sicuro meriterebbe il Mondiale. Il big-match di domenica contro la Roma? Non sarà una partita decisiva, ma se la Juve vince e va a +8 sulla Roma ha in mano il 70% dello Scudetto. Totti? L’ho visto sbocciare, a 16 anni era già un genio. Un giorno Mazzone chiese un parere a me e Balbo e noi gli rispondemmo: ‘Mister, butta dentro ‘sto ragazzo, si vede che è predestinato’. Francesco è il miglior talento italiano insieme a Roberto Baggio. In Pogba rivedo la personalità del giovane Totti. C’è una differenza però: la storia di Pogba è appena iniziata, mentre Totti ha scritto un’infinità di capitoli”.

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy