Real Madrid: attacco stellare, ma…

Real Madrid: attacco stellare, ma…

TORINO – Domani arriva il Real Madrid allo Juventus Stadium: per i bianconeri è un match che vale una stagione, visto che la squadra di Conte è ferma a quota 2 punti in tre gare nel girone B. Una vittoria casalinga contro i “Blancos” permetterebbe alla Vecchia Signora di affrontare…

TORINO – Domani arriva il Real Madrid allo Juventus Stadium: per i bianconeri è un match che vale una stagione, visto che la squadra di Conte è ferma a quota 2 punti in tre gare nel girone B. Una vittoria casalinga contro i “Blancos” permetterebbe alla Vecchia Signora di affrontare con maggiore serenità la partita casalinga contro il Copenhagen e poi la delicata trasferta ad Instanbul con il Galatasaray, la squadra che le contende il secondo posto nel girone.

Che il Real Madrid di Carlo Ancelotti possa essere messo seriamente in difficoltà si è visto anche due settimane fa, nella gara del Santiago Bernabeu, quando la Juve riuscì a fare gioco e a creare qualche occasione da rete anche giocando buona parte della ripresa in inferiorità numerica. Lo stesso Marchisio, in conferenza, ha evidenziato come il tallone d’ Achille delle “Merengues” sia il reparto difensivo: nonostante rientri il gioiellino francese Varane, infatti, i terzini Carvajal e Marcelo spesso si dedicano troppo alla fase offensiva, lasciando spazi sulle fasce. Lo stesso Pepe comincia a perdere qualche colpo. Del resto, parlano i numeri: in quindici match ufficiali fin qui disputati, gli spagnoli hanno chiuso i novanta minuti senza subire reti in sole tre occasioni, contro Granada, Deportivo La Coruna e Copenhagen. In compenso, ne ha incassate due dal Levante, tre dal Siviglia e due dal Rayo: nelle ultime due partite, Diego Lopez è stato battuto cinque volte.

Se è vero che il reparto arretrato non convince, c’è da dire che l’ attacco non sbaglia un colpo, o quasi: tra Cristiano Ronaldo, Benzema, Bale, Di Maria e compagni, il Real ha esultato 42 volte in quindici gare, per una media di quasi tre sigilli ogni 90′. Guida la classifica cannonieri dei “Blancos”, neanche a dirlo, il portoghese che all’ andata fu decisivo con una doppietta ed una sceneggiata che costò l’ espulsione a Chiellini. Una sola volta i madrileni non sono riusciti ad andare a segno, nel derby contro l’ Atletico del 28 settembre (1-0 per i Colchoneros).

Terzo in classifica a quota 28 punti nella Liga, finora Ancelotti è stato sconfitto solo dalle due squadre che lo precedono: appunto l’ Atletico Madrid del “Cholo” Simeone e il Barcellona, che ha avuto la meglio per 2-1 nel Clasico della scorsa settimana. In Champions’ League, invece, le “Merengues” viaggiano a punteggio pieno: tre vittorie su tre match disputati, con 12 gol all’ attivo e due al passivo.

Domani il tecnico di Reggiolo dovrebbe cambiare qualcosa nel reparto difensivo rispetto alla gara d’ andata: in porta Diego Lopez pare destinato a riprendersi il posto a discapito di Casillas, mentre in difesa rientreranno Carvajal (criticassimo dalla stampa madrilena) e Varane. Per il resto, confermato il trio di centrocampo composto da Khedira, Illarramendi e Modric. Davanti, invece, il temibile tridente composto da Di Maria, Benzema e Ronaldo.

Lorenzo Latini – Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy