FOCUS – Ecco il Sassuolo: le 3 tentazioni di Allegri

FOCUS – Ecco il Sassuolo: le 3 tentazioni di Allegri

FOCUS – Le 3 tentazioni di Allegri, come un vecchio film. Il match contro il Sassuolo è crocevia fondamentale, uno dei tanti, tantissimi di questa stagione. Max arriva non troppo ansimando alla sfida, grazie alle risposte di Dybala, finalmente sulla bocca di tutti, non solo per lo scontrino. E se Allegri non piange, forse riderà Conte: l’idea, di base, è di tornare al suo 3-5-2, una veste dei fantasmi del passato che consentirebbe ad Allegri di bypassare strombazzando la penuria, non colpevole, non colpevole nessuno, di terzini destri. E se tutto va bene, potrebbe tuttosommato utilizzare questo nuovo modulo anche per dare fiato ad Evra. Ovvero, se tutto va male ad Alex Sandro, che non sta rendendo come dovrebbe, anzi. La seconda tentazione di Allegri è proprio lui, per carità non chiamatelo flop, oppure chiamatecelo, dovesse rispondere come l’esplosivo Dybala. Come un vestito nuovo che alla prima volta addosso non sembra più così splendido, Alex Sandro si è afflosciato, con buona pace di chi guarda sempre gli scontrini, a discapito del resto. Contro Di Francesco potrebbe essere lui l’uomo della sinistra bianconera, più offensivo di Evra, semmai riuscisse a mostrarcelo, quanto può essere offensivo. La terza tentazione di Allegri, come un vecchio film, anzi, come guarda un bel trailer di un film che ancora non è nelle sale, potrebbe essere Domenico Berardi. Lui, di Juve, ne ha avuta ben poca addosso (certo, è stato preferito per caratteristiche Zaza, forse a torto, almeno così dixit il campo). Ora neppure la prelazione lo lega a doppia mandata alla Juve, si dice in giro che ci sia un patto tra gentiluomini, un poi vediamo, ma si sa, nella vita con i poi vediamo difficilmente si vede davvero. Intanto Allegri vedrà questo bel trailer, protagonista Domenico Berardi. Purché poi il film non sia trasmetto al Campo Nou.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy