Fiorentina-Juventus 0-3: Matri, Pereyra e Bonucci portano Allegri in finale

Fiorentina-Juventus 0-3: Matri, Pereyra e Bonucci portano Allegri in finale

Non è solo Tevez ad avere l’istinto del cannibale, ma tutta la Juventus. Senza il suo attaccante più prolifico e altri quattro titolari, i bianconeri polverizzano la Fiorentina con lo stesso risultato del ritorno degli ottavi di Champions a Dortmund (3-0) e nonostante la sconfitta dello Stadium (1-2) volano in…

Non è solo Tevez ad avere l’istinto del cannibale, ma tutta la Juventus. Senza il suo attaccante più prolifico e altri quattro titolari, i bianconeri polverizzano la Fiorentina con lo stesso risultato del ritorno degli ottavi di Champions a Dortmund (3-0) e nonostante la sconfitta dello Stadium (1-2) volano in finale di Coppa Italia (incontreranno la vincente di domani tra Napoli e Lazio). Una squadra che fa paura, non molla niente e ha una fame spaventosa. MOSSA VINCENTE — Senza Tevez, fermato da un problema muscolare, Allegri sceglie Matri con Morata. In più nel riscaldamento si fa male anche Lichtsteiner: fastidio alla coscia, dentro Padoin. Montella risponde con un 3-5-1-1, con Salah a supporto di Mario Gomez e senza Pizarro (infortunato). Chi si aspettava una Juventus con la testa già alla Coppa più importante ha impiegato poco a capire che non era così. I bianconeri dopo 21 minuti riaccendono le speranze di arrivare in finale: palla persa in mezzo al campo da Borja Valero, Marchisio ne approfitta per servire Pereyra e sul tiro rimpallato dell’argentino Matri segna da vero opportunista. Prima gara da titolare dal suo ritorno in bianconero (a gennaio), primo gol del nuovo corso: Allegri ha azzeccato la scelta. Un gol non basta, la Juve lo sa e per questo riporta il pallone a centrocampo con la foga di chi non ha tempo da perdere.

 

ANCORA PEREYRA — Il raddoppio arriva due minuti prima dell’intervallo: sull’ennesimo tiro insidioso di Morata, Neto respinge sui piedi di Pereyra che, come contro l’Empoli, non si fa pregare: 2 centri in 4 giorni per l’altro reduce della Seleccion, che non fa rimpiangere Tevez. Da segnalare un gol annullato a Gonzalo per fuorigioco (è millimetrico ma c’è: bravo il guardalinee Di Liberatore).

VIOLA SPENTA — Partita equilibrata fino all’1-0, poi la Juve ha preso il sopravvento. Bene Marchisio, tornato a fare il vice Pirlo in mezzo al campo, Vidal e Sturaro sono due lottatori, Morata sa sempre come essere pericoloso e Pereyra ormai gioca da leader. La difesa, tornata a quattro, corre pochissimi rischi. La Viola aveva iniziato bene ma si è spenta troppo presto. Salah ha creato il solito scompiglio nei minuti iniziali, poi poco altro. La difesa invece è andata spesso in apnea. Nella ripresa la Fiorentina ha avuto subito due occasioni con Gomez e Salah, poi Savic ha rischiato l’autogol di ginocchio su cross di Pereyra. I bianconeri però non sono sazi: dopo un tiro di Vidal deviato in angolo, su corner di Marchisio Bonucci fa il 3-0 di piede al volo. La festa bianconera è rovinata dal cartellino giallo a Marchisio e all’88’ da Morata che si fa espellere per un brutto fallo su Diamanti: i due salteranno la finale. Montella prova a correre ai ripari: dentro Diamanti e 4-3-2-1, ma serve a poco. Viola troppo molle e rinunciataria, ci si aspettava qualcosa in più da una squadra che aveva già mezzo piede in finale. Juve invece inarrestabile. (gazzetta.it)

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy