EXTRA – Caos Ibrahimovic, 3 turni di squalifica: “Francia paese di m….”

EXTRA – Caos Ibrahimovic, 3 turni di squalifica: “Francia paese di m….”

“Voglio chiarire che le mie parole di ieri notte non erano dirette contro la Francia o i cittadini francesi. Stavo parlando specificatamente di calcio. Ho preso la partita, lo accetto, ma non posso accettare che l’arbitro non segua le regole. Non e’ la prima volta e mi sono stancato di…

“Voglio chiarire che le mie parole di ieri notte non erano dirette contro la Francia o i cittadini francesi. Stavo parlando specificatamente di calcio. Ho preso la partita, lo accetto, ma non posso accettare che l’arbitro non segua le regole. Non e’ la prima volta e mi sono stancato di questo. Mi piacerebbe scusarmi se qualcuno fosse rimasto offeso od abbia interpretato le mie parole in una maniera sbagliata”. Ibra che chiede scusa e’ gia’ una notizia.  L’attaccante svedese del Psg ha fatto, con un comunicato sul sito ufficiale del club, parziale retromarcia dopo il durissimo sfogo seguito al ko con i girondini. Le accuse all’arbitro e la frase “Francia, paese di m…” gli costeranno almeno tre turni di squalifica e gli sono gia’ costate il biasimo di mezza Francia. Mezza, perche’ c’e’ anche chi “assolve” Zlatan. “Sono frasi scioccanti”, ha tagliato corto Eric Bronchini, capo della federazione degli arbitri.

 

“Chi considera la Francia un Paese di m?, puo’ anche andarsene”, ha senteziato Marie Le Pen, leader dell’estrema destra transalpina, cavalcando l’onda nazionalista. Decisamente piu’ orbidi i commenti di Bruno Le Maire, esponente del partito Ump (“Ci sono problemi ben piu’ gravi”), e del ministro dello Sport, Patrick Kanner, che ha accettato le scuse di Ibra, ma si e’ lamentato per l’esempio negativo dato ai bambini. (goalcity.com)

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy