EX – Cannavaro: “Per il Milan ero troppo basso…”

EX – Cannavaro: “Per il Milan ero troppo basso…”

Saranno quaranta domani, venticinque nel calcio. Nel 1988 Fabio Cannavaro entrava nelle giovanili del Napoli, quello di Maradona. L’ha conosciuto, elogiato. E’ riuscito a vincere come il Pibe un Mondiale, quello del 2006, quello azzurro di Berlino.”E ho pure sfatato un luogo comunque, quello per cui non potevo fare il…

Saranno quaranta domani, venticinque nel calcio. Nel 1988 Fabio Cannavaro entrava nelle giovanili del Napoli, quello di Maradona. L’ha conosciuto, elogiato. E’ riuscito a vincere come il Pibe un Mondiale, quello del 2006, quello azzurro di Berlino.

“E ho pure sfatato un luogo comunque, quello per cui non potevo fare il difensore a causa della mia statura. E invece sono arrivato molto giovane in Nazionale” evidenzia l’ex Pallone d’Oro al ‘Mattino’. “Al Milan mi scartarono perchè ero troppo basso. Sacchi disse che potevo giocare solo a uomo”.

Dopo una carriera in cui ha vinto praticamente tutto, prima il ruolo dirigenziale, poi quello freschissimo in panchina: “Mi è stato chiesto di affiancare Olaroiu all’Al Ahli, lo sto facendo con entusiasmo. Spero di apprendere tanto per cominciare a far da solo dalla prossima annata. Magari in Italia”.

Non allenerà il suo Napoli, nelle mani di Rafa Benitez: “Ha dato un pizzico di internazionalità in più, tanta esperienza. Il girone di Champions è difficile, ma devono pensare di poter dare fastidio a tutti. In campionato potranno lottare per lo Scudetto insieme ad altre cinque, ma la Juventus è ancora avanti”.

Nazionale, Buffon l’ha appena raggiunto come recordman di presenze: “Gli ho telefonato e mi sono complimentato. Ovvio che sarebbe accaduto, per un portiere è più semplice… Penso possa andare oltre il Mondiale, dove saremo subito dopo Brasile e Spagna”.

goal.com

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy