Emergenza infortuni in casa Juve: ecco le soluzioni..

Emergenza infortuni in casa Juve: ecco le soluzioni..

I problemi fisici delle ultime ore occorsi ad Asamoah e Rugani potrebbero portare Allegri a soluzioni tattiche inaspettate

L'OPINIONE - Caronni:

TORINO- Non è un periodo facile in casa Juve. Alla brutta prestazione di sabato pomeriggio al ‘Barbera’ di Palermo, che comunque ha portato ai tre punti, si vanno ad aggiungere gli infortuni di Asamoah, rottura del menisco mediale del ginocchio destro e quello di Rugani, distrazione del legamento collaterale laterale del ginocchio destro, che terrano i due giocatori lontani dal terreno di gioco per almeno 45 giorni. A loro si aggiungono gli infortuni più datati di Marchisio e Benatia, che pongono la Juventus in un vero e proprio stato di emergenza. Difatti, se in attacco regna l’abbondanza, a centrocampo e soprattutto in difesa, la coperta è troppo corta per far fronte agli innumerevoli impegni che attendono la truppa di Allegri. Ecco che il tecnico toscano potrebbe optare per un drastico taglio con il passato dal punto di vista tattico e accantonare momentaneamente il fedelissimo 3-5-2. Probabile sembra il passaggio al 4-2-3-1, con l’arretramento sulla linea dei difensori di Alex Sandro e Dani Alves e l’inserimento di uno tra Pjaca e Cuadrado sulla linea dei trequartisti al fianco di Dybala e Pjanic. Il cambio di modulo non solo potrebbe far fronte all’emergenza senza snaturare la filosofia di gioco di Allegri, ma permetterebbe ai giocatori meno impiegati, come Pjaca e Cuadrado, di mostrare tutte le loro qualità. Il 4-2-3-1 potrebbe poi valorizzare i colpi di Pjanic, a suo agio come trequartista più che in cabina di regia, e il killer instinct di Gonzalo Higuain, sembrato un po’ spaesato nel 3-5-2 bianconero. Vedremo cosa deciderà Allegri per fronteggiare l’emergenza e i tanti impegni che attendono la Juventus e per portarla ai successi che i tifosi ambiscono.

Redazionejuvenews

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy