L’ACCELERATA – Concorrenza inglese per Dybala: la Juve prova a giocare d’anticipo. Si può fare…

L’ACCELERATA – Concorrenza inglese per Dybala: la Juve prova a giocare d’anticipo. Si può fare…

TORINO – Per un Morata baby talento da blindare, ecco alcuni… giovani virgulti – alias talenti pronti a trovare piena consacrazione – sui quali la Juventus è decisa a mettere le mani: convinta del fatto che si tratti di elementi di livello assoluto, con grandi potenzialità, tali da giustificare un…

TORINO – Per un Morata baby talento da blindare, ecco alcuni… giovani virgulti – alias talenti pronti a trovare piena consacrazione – sui quali la Juventus è decisa a mettere le mani: convinta del fatto che si tratti di elementi di livello assoluto, con grandi potenzialità, tali da giustificare un investimento anche di un certo tipo. Simone Zaza, ed esempio: che in orbita Juventus gravita ormai da un po’ e che secondo le ultime indiscrezioni è finalmente giunto al punto di svolta (con un contratto bell’e pronto da depositare, in virtù proprio di un diritto di prelazione strappato dai bianconeri al Sassuolo illo tempore). Ma non soltanto: l’altro nome caldo, in ambito di rivelazioni della Serie A finite nel mirino dei campioni d’Italia, è quello di Paulo Dybala.

 

CONTATTI – Non è un mistero che l’amministratore delegato Beppe Marotta ed il suo braccio destro Fabio Paratici stiano seguendo con particolare attenzioni le evoluzioni (dal punto di vista sportivo, ma anche contrattuale) dell’attaccante rosanero. Un giocatore che brilla per eleganza, doti tecniche, duttilità, senso del gol (sono 12 quelli messi a segno in questa stagione) e che – non a caso – oltre che la Juventus sta ingolosendo diversi club di caratura internazionale. Soprattutto società inglesi, per la precisione: dall’Arsenal (contatti proprio in questi giorni) allo United, passando per il Chelsea. Con un cenno, poi, uscendo dai confini della Gran Bretagna, al Barcellona.(tuttosport.com)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy