Del Piero: “Indimenticabile quel saluto alla Juve”

Del Piero: “Indimenticabile quel saluto alla Juve”

TORINO – Esce il 20 novembre “Playing on”, ovvero “Continuando a giocare”, la versione aggiornata della sua vecchia autobiografia in cui ha aggiunto un capitolo sulla sua esperienza in Australia . La stampa australiana ha anticipato l’inizio del libro, nel quale Alex narra il momento cruciale dell’addio alla Juventus e…

TORINO – Esce il 20 novembre “Playing on”, ovvero “Continuando a giocare”, la versione aggiornata della sua vecchia autobiografia in cui ha aggiunto un capitolo sulla sua esperienza in Australia . La stampa australiana ha anticipato l’inizio del libro, nel quale Alex narra il momento cruciale dell’addio alla Juventus e della sua scelta. Una lunga e umanissima riflessione nella quale emerge il grande amore e rispetto del numero dieci nei confronti dei suoi vecchi tifosi e della squadra di cui è diventato e sarà sempre un simbolo. Non si sa ancora quando il libro verrà tradotto e pubblicato in Italia. Ecco i primi passaggi anticipati in Australia.

Qualche anno fa, dopo una sconfitta che era stata particolarmente dura da sopportare, ho deciso di fare una vacanza nel luogo più lontano dall’Italia che potevo trovare sulla cartina. Era una fuga, senza una precisa destinazione.

La cosa importante era andare via lontano. Molto tempo dopo ho fatto qualcosa di simile, anche se per ragioni completamente diverse. Non è accaduto dopo una sconfitta, ma dopo aver alzato una coppa come capitano della Juventus per l’ultima volta. Non dovevo scappare da niente in quel momento; non c’era assolutamente bisogno di correre via.

Ma ci sono momenti in cui la fuga e il cambiamento necessitano del medesimo approccio, momenti in cui c’è abbiamo ugualmente bisogno di staccare fisicamente e distanziarci dalle nostre routine quotidiane. E’ un salto a un altro livello, un nuovo quadro di un videogioco completamente differente dai precedenti, ma nello stesso tempo altrettanto stimolante e va affrontato con un serbatoio pieno di energie.

Sì, è esattamente questo: l’Australia mi ha ricaricato e mi ha dato quello di cui avevo bisogno. Dopo aver lasciato la Juventus, ho ricevuto molte offerte, soprattutto dall’Italia e molte più di quante me ne aspettavo. Dopo quasi vent’anni vestendo la maglia bianconera, che gli italiani amano o odiano e che in ogni caso li divide, non pensavo che così tante squadre avrebbero pensato di scommettere su qualcuno che fino al giorno prima era stato un importante avversario e il capitano della squadra rivale

Dirigenti, allenatori e colleghi mi hanno fatto sentire veramente lusingato. Probabilmente speravano di approfittare di un qualche sentimento di vendetta che potevo nutrire nei confronti della Juventus, ma io non ho mai provato nulla di simile. Non cancelli il tuo passato o, comunque, io non lo cancello. Ho sempre detto che non avrei mai giocato con un’altra squadra italiana, nonostante il rispetto per gli altri club del mio Paese. E ho mantenuto questa promessa.

All’inizio, nel primo periodo da giocatore senza contratto, ho valutato le offerte sulla base del livello competitivo del campionato in cui militavano i club e sulla possibilità di partecipare ai principali tornei internazionali come la Champions League e la Coppa Libertadores, visto che andare in Sud America era una delle opportunità che mi erano state offerte.

Sostanzialmente stavo ancora ragionando con la mentalità del “vecchio” Alessandro Del Piero. Non avevo ancora realizzato che ero già passato in quadro successivo del videogame: quello che era finito con quell’indimenticabile giorno allo Juventus Stadium con il più spontaneo e meraviglioso tributo che abbia mai avuto dai tifosi della Juventus.

Non avevo ancora realizzato, insomma, che volevo qualcosa di diverso. Non qualcosa in più: quello non era possibile. Sono stato un privilegiato ad aver vinto tutto sia a livello di club che con la nazionale italiana nel 2006, quando vincemmo la Coppa del Mondo. Per vent’anni ho corso a 300 chilometri all’ora con una sola ossessione: raggiungere la perfezione, che nello sport significa vincere. E ho lasciato con una vittoria.

Cosa poteva darmi la stessa sensazione ancora? Che cosa avrebbe retto il paragone senza causarmi degli infiniti attacchi di nostalgia? Non avrei mai voluto andare avanti a giocare e nello stesso girarmi indietro, invece che guardare avanti come ho sempre fatto. Meglio fermarsi. E così, mentre ero in vacanza e cercavo di riorganizzare i miei pensieri dopo l’alluvione di emozioni che mi aveva sommerso, ho capito che non c’era niente di più che potevo avere.

No, non “di più”. Dovevo cercare qualcosa di diverso, una nuova esperienza che avrebbe dato un senso al sudare e all’allenarsi, nella quale usare la mia esperienza, con la testa di un adult e il cuore di un bambino il cui unico scopo nella vita era correre dietro un pallone. Così il mio punto di vista è cambiato: ho smesso di cercare una squadra e un campionato che mi avrebbe fatto rivivere quello che avevo già vissuto.

Ho iniziato a soppesare le proposte che mi davano qualcosa di più di un contratto, più dei soldi, più dell’opportunità di ritornare a vincere quello che avevo già vinto. Non una nuova squadra, ma una nuova vita. Uno nuovo stato mentale: per questo ho scelto il Sydney FC, per Sydney e per l’Australia. Una nuova vita

L’Australia è sinonimo di un prima e un dopo. Anche una volta che non sarò più qui mi ricorderò sempre di questa parentesi come un momento spartiacque nella mia vita, e non solo nella mia vita professionale. Prima di questo, ero abituato ad essere Alessandro Del Piero per tutto il tempo, dentro e fuori dal campo. Ho sempre volutamente (e direi con orgoglio) mantenuto il mio lato pubblico separato dal mio uno privato: Del Piero il calciatore separato da Alessandro, il padre, marito, figlio, fratello, amico. . . Ma in Italia, e in Europa in generale, al di fuori delle quattro mura di casa mia è impossibile non essere Del Piero. Intendiamoci, non mi lamento: l’attenzione, e soprattutto la dimostrazione di affetto che ricevo dalla gente, mi fa sentire privilegiato, ma non nego che a volte, e soprattutto da quando sono nati i miei figli, sono diventato più persistente in cerca di ‘normalità’. E questo è quello che ho trovato in Australia. Ho riscoperto cose che avevo quasi dimenticato: andare al parco con i miei figli (cosa che ho fatto con mio padre, quando ero bambino), passeggiando per la città, essendo un turista dove vivo, prendendo tempo per la mia famiglia e per me stesso, e sperimentare una nuova dimensione che non avevo conosciuto prima di venire a Sydney. Nella mia vita come un giocatore di FC Sydney molte delle mie abitudini sono cambiate, vivere la mia vita di tutti i giorni in un paese così diverso da Italia arricchisce me. Questo non è un giudizio di valore: è semplicemente un dato di fatto. In Australia ci sono praticamente tutti i migranti, alcuni che è venuto presto e alcuni che è venuto dopo. Ho incontrato tanti italiani, per esempio, che alcuni giorni mi sento ancora a Torino. Ognuno di loro ha la sua storia particolare e tutti meritano un libro come questo. E ‘la vita reale. Il loro amore per l’Italia, anche da una tale distanza, mi rende ancora più orgoglioso di essere italiano e allo stesso tempo mi fa apprezzare questo paese, che è riuscito a stabilire una propria identità anche attraverso le diverse origini delle persone che vivono qui”.

(fonte tuttosport.com)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy