Conte cambia programma: dalla Turchia si rientrerà venerdi. Vietate distrazioni in vista del Milan.

Conte cambia programma: dalla Turchia si rientrerà venerdi. Vietate distrazioni in vista del Milan.

Si sa quando si parte, ma non si sa quando si torna. O meglio, adesso si sa tutto ma il programma di viaggio della Juve per e da Trebisonda è variato tre volte a dimostrazione delle difficoltà logistiche di una trasferta che complica molto l’incontro di domenica contro il Milan…

Si sa quando si parte, ma non si sa quando si torna. O meglio, adesso si sa tutto ma il programma di viaggio della Juve per e da Trebisonda è variato tre volte a dimostrazione delle difficoltà logistiche di una trasferta che complica molto l’incontro di domenica contro il Milan e che assume davvero i contorni della punizione per l’inopinata eliminazione dalla Champions. Alla fine il viaggio in Turchia durerà circa 48 ore. La Juve si allenerà a Vinovo domani mattina alle 10. Poi trasferimento a Caselle e partenza per Trebisonda. Appena sbarcata in Turchia, dopo 4 ore di volo, la comitiva bianconera raggiungerà lo stadio per la conferenza di Conte e per controllare le condizioni del terreno. A Trebisonda è prevista pioggia e una temperatura tra i 7 e i 12 gradi: la neve è rimasta a Istanbul. Giovedì la partita inizierà alle 21.05 italiane, ossia le 22.05 turche, e il grande dubbio era legato al rientro: partire immediatamente come da abitudine o dormire un’altra notte in Turchia? Un mese fa sembrava sicura la seconda soluzione. Ma poi Conte aveva cambiato idea e nel programma ufficiale l’arrivo a Caselle era previsto alle 4.25 di venerdì mattina. Non accade mai, però, che questi voli siano puntuali ed era logico attendersi uno sbarco poco dopo le 5. Domenica Conte, esagerando un po’, aveva detto: «Arriveremo alle 7». Dopo aver fatto il giro delle televisioni post-derby aveva chiuso gli interventi in conferenza aggiungendo: «Dobbiamo capire se ci conviene arrivare alle 7 o fermarci in Turchia fino a venerdì mattina». Il cambiamento era nell’aria e infatti ieri è stata presa la decisione definitiva: si dorme in Turchia e si sbarca a Torino nel primo pomeriggio di venerdì, con immediato trasferimento a Vinovo per l’allenamento.

 

 

Sorteggio sfortunato Conte, evidentemente, ha pensato che il riposo notturno potesse essere in questo caso più importante dell’immediato ritorno a casa. La Juve ha infatti la necessità di recuperare le energie molto rapidamente: sabato, dopo un altro allenamento, raggiungerà Milano e domenica sera affronterà i rossoneri di Seedorf a San Siro. La seconda punizione divina per l’eliminazione dalla Champions è infatti l’impossibilità di esercitare il diritto di posticipare al lunedì l’incontro di campionato dopo una trasferta di Europa League: la settimana prossima a causa delle nazionali e dopo l’eventuale gara esterna degli ottavi a causa del turno infrasettimanale di Serie A.

San Siro decisivo Il tecnico della Juve aveva anche ipotizzato di risparmiare ad alcuni titolari non solo la partita ma anche il viaggio in Turchia, proprio per salvaguardare la freschezza di alcuni giocatori in vista della sfida con il Milan. Ma in questo periodo la rosa è ai minimi termini a causa di infortuni (Chiellini, Vucinic, Pepe) e di scelte tecniche (esclusione di Quagliarella dalla lista Uefa). Così Conte ha a disposizione per la sfida con il Trabzonspor appena 17 elementi (portieri esclusi) e non può lasciare nessuno a Torino. La trasferta con il Milan, proprio per il particolare avvicinamento, è considerata quasi fondamentale per lo scudetto: mantenere inalterato il vantaggio sulla Roma anche dopo questa settimana potrebbe essere decisivo. Ecco perché ancor più del solito Conte non lascia nulla al caso.

(fonte:Gazzetta dello Sport)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy