CONFERENZA ALLEGRI, la carica: “Dobbiamo vincere il derby”

CONFERENZA ALLEGRI, la carica: “Dobbiamo vincere il derby”

Alla vigilia del derby, Allegri non si fida dei numeri (il Toro non vince dal 1995) e avvisa: “E’ una partita diversa da tutte le altre, indipendentemente dai valori in campo. Domani si parte dallo 0-0, loro ci daranno battaglia”. Il tecnico vuole proseguire la marcia in testa al campionato:…

Alla vigilia del derby, Allegri non si fida dei numeri (il Toro non vince dal 1995) e avvisa: “E’ una partita diversa da tutte le altre, indipendentemente dai valori in campo. Domani si parte dallo 0-0, loro ci daranno battaglia”. Il tecnico vuole proseguire la marcia in testa al campionato: “Dobbiamo avere grande rispetto del Torino, ma per noi è una partita fondamentale per la classifica e dobbiamo vincere”

La situazione della squadra che pare in un buon momento. 

Siamo in un buon momento, domani abbiamo una partita importante. C’è il derby. Dobbiamo centrare gli obiettivi, come la Champions. Ci sono ancora molte gare da giocare: profilo basso ed equilibrio.

 

Se giocherà Pereyra e un giudizio su Ventura.

Oggi faremo allenamento, l’ultimo e unico, prima della partita col torino e valuterò chi ha giocato a Malmoe. Ventura? Fa giocare bene le squadre, lo scorso anno ha fatto una grande stagione. E’ una squadra temibile e ci sono grandi giocatori.

Su Vidal.
Ha bisogno di giocare, ha fatto delle buone partite: purtroppo il suo problema è che dall’esterno viene visto come quello che se non fa gol non fa una buona prestazione. Vidal credo che abbia fatto tre gol fino a questo momento, è un giocatore importante, anche quando non fa gol. Ha bisogno di giocare perché sapete come è arrivato dopo il Mondiale, le problematiche che ha avuto, e rispetto agli altri è un filino dietro. Ma io sono molto contento della prestazione che ha fatto anche mercoledì a Malmoe, come di quella che aveva fatto con l’Olympiacos in casa. Poi la squalifica e il problema della Nazionale l’hanno un po’ rifermato. Però sta bene, ha voglia e sicuramente tornerà a fare gol”.

Su Evra.
E’ uscito dall’infortunio, ha lavorato bene e domani sarà della partita. E’ un giocatore importante, vorrà dimostrare e deve dimostrare che può fare cose importanti.

Sul derby di Torino.
Il derby è sempre una partita diversa da tutte le altre indipendentemente da quelli che possono essere i valori in campo. Domani si parte dallo 0-0, loro ci daranno battaglia, non sarà semplice perché oltre al buon momento del Torino è sempre un derby. I derby sono partite difficili, fanno storia a sé. Per noi è una partita fondamentale per la classifica e dobbiamo cercare di dare continuità di risultati.

Su Asamoah.
Credo che dovrà stare fuori circa tre mesi, ma sono cose da valutare nel corso del recupero. Il mercato? Sulle corsie esterne abbiamo Padoin, che è molto bravo. Tra Evra, Padoin, Mattiello, Caceres e Lichtsteiner va bene così. Poi a gennaio, se ci sarà da fare qualcosa, la società sarà pronta”.

Sugli ex che ora giocano al Torino.
Noi dobbiamo avere grande rispetto per il Torino. I derby sono tutti uguali, è importante per tutti i tifosi. Noi dobbiamo vincere, ma deve essere una partita con una leale sfida agonistica e calcistica”.

Su Morata.
Ogni tanto andare in panchina fa bene a tutti perché ti dà stimoli diversi e ti crea una tensione diversa.

Sul Torino che non vince da 20 anni.
Questi numeri devono creare più attenzione. Sono numeri importanti ma fanno parte del passato, domani si parte da 0-0. Loro sono bravi in ripartenza, ci vorrà una grande partita domani.

Che Toro si aspetta?
Non so come farà gicoare la squadra Ventura. Credo che faranno una partita buona e noi dobbiamo cercare di essere più bravi. Chi temo di più? El Kaddouri credo che sia il giocatore migliore sotto l’aspetto della condizione in questo momento. Poi hanno Quagliarella davanti che è molto pericoloso e bisogna stare molto attenti.

Su Giovinco.
Sta bene, fortunatamente ho cinque giocatori davanti che stanno tutti bene. Lasciarne fuori tre, visti gli allenamenti, è sempre un dispiacere, ma avere cinque giocatori in queste condizioni è importante”.

Un appello ai tifosi.
In Italia dobbiamo migliorare ancora di più il fatto che ci debba essere una sana rivalità sportiva. Vedere bambini e famiglie allo stadio potrebbe essere un bel successo per il calcio italiano. 

Ultimo derby per Giovinco?
E’ un giocatore importante e rimarrà alla Juve. Poi valuteremo quella che potrà essere la sua situazione per l’anno prossimo, ma vale per tutti”.

Sulle emozioni di questo derby.
Da oggi entreremo più nel clima derby, anche perché siamo arrivati giovedì da Malmoe. Domani saremo pronti a giocare. (sportmediaset)

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy