CONFERENZA – Allegri: “E’ un derby e non ci sono favoriti. Esonero? Se vinci sei bravo se perdi l’allenatore viene tirato in ballo”

CONFERENZA – Allegri: “E’ un derby e non ci sono favoriti. Esonero? Se vinci sei bravo se perdi l’allenatore viene tirato in ballo”

CONFERENZA – Allegri: “E’ un derby e non ci sono favoriti. Esonero? Se vinci sei bravo se perdi l’allenatore viene tirato in ballo”

CONFERENZA - Allegri va al Max:

TORINO – Si è conclusa poco fa la conferenza stampa di Massimiliano Allegri, in vista del derby di domani dello Juventus Stadium:

Chi è il favorito domani?

“E’ un derby e non ci sono favoriti. Quelli dello scorso anno sono stati belli e domani sarà la stessa cosa”

Dopo la partita di Sassuolo da quali certezze riparte?

“Le certezze sono quelle delle partite precedenti”

Gli infortunati?

“Marchisio sta meglio e Caceres è tra i convocati”

Perché i tifosi a bordo campo?

“Avevano voglia di fare un saluto al gruppo e visto il momento è stato bello”

Cosa c’è dietro le parole di Buffon ed Evra?

“Sono due pensieri i un momento difficile. Sono parole costruttive e vanno affrontate con positività, visto il momento”

Hai avuto modo di testare la squadra e di capire l’umore dei tuoi ragazzi?

“Credo che la paura non serva a nulla. Dobbiamo fare bene e dobbiamo fare punti. Le spiegazioni del perché di questo momento non serva a nulla. Le energie vanno buttate in campo ma con ordine. Non bisogna essere nervosi ma responsabili”

Secondo lei, i giovani devono ancora capire l’ambiente?

“Le loro parole sono pensieri costruttivi. I giovani sanno quello che fanno”

Visto che venivate da un buon momento, ti sei spiegato il motivo della rabbia di Chiellini, vista l’espulsione?

“E’ inspiegabile perché essere nervosi serve a poco e non porta da nessuna parte. Dobbiamo giocare bene e i momenti difficili vanno affrontati e superati”

Hai avvertito il bisogno di riunire il gruppo?

“La squadra è unita. Bisogna fare solamente delle buone partite e non ricadere nell’errore. Mercoledì la squadra ha fatto una buona partita in difesa ma una partita non bella, anche se in 10 uomini”

Rispetto all’ultimo precedente non ci sono più giocatori importanti, chi perde di più?

“Sono stati ceduti grandi giocatori ma sostituiti bene. Con il Toro servirà una partita di grande lucidità”

Finisce tra poco questo mini ciclo di partite, si parla di un esonero ma nella sua testa ci ha pensato?

“No. Se vinci sei bravo se perdi l’allenatore viene tirato in ballo. Ora che siamo tutti avrò più scelte e dobbiamo tornare a vincere”

Lei è arrivato al terzo anno del derby, c’è una differenza rispetto agli scorsi anni? Che Toro si aspetta?

“Mi aspetto un Torino alla Ventura, che abbassa il ritmo della partita. E? molto difficile giocare contro di loro. Questa è una partita importante, più per noi che per loro”

Cosa deve fare la Juve per salvare la stagione?

“Deve salire in classifica e bisogna farlo partita dopo partita. Cosa importante sarà superare il girone di Champions”

Viste le scelte, tanti nuovi giocatori e tanti giovani. E’ stato difficile in questa stagione?

“No, la squadra deve trovare le sue certezze. I giovani non vanno lavorati ma vanno inseriti piano piano e farli crescere. Se ce ne sono 10 in squadra ovviamente non è facile ma non è certamente questa la colpa dei punti che abbiamo in classifica”

Tra tutte le critiche, quale ritiene la più ingiusta e qual è la colpa che si prende per questo momento?

“Abbiamo pochi punti in classifica e le critiche vanno assorbite. Non credo di avere colpe. Faccio delle scelte in base ai giocatori che ho a disposizione “

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy