LE VOCI – Camoranesi: ” Juve club a cui sono più legato”

LE VOCI – Camoranesi: ” Juve club a cui sono più legato”

Mauro German Camoranesi ha parlato alla Gazzetta dello Sport partendo dal derby Chieco-Verona: “Ricordo il mio gol del 3-2. In settimana avevamo provato quella giocata: sapevamo che la difesa del Chievo saliva in fretta e si poteva battere. Il campo era bagnato e ho capito che non potevo stoppare ma…

Mauro German Camoranesi ha parlato alla Gazzetta dello Sport partendo dal derby Chieco-Verona: “Ricordo il mio gol del 3-2. In settimana avevamo provato quella giocata: sapevamo che la difesa del Chievo saliva in fretta e si poteva battere. Il campo era bagnato e ho capito che non potevo stoppare ma solo calciare di suola. Però volevo tirare in diagonale, invece la palla è finita sul primo palo. Perfetta…La città è piccola ma quella volta c’era entusiasmo. Io mi fermavo a parlare per ore in una pizzeria vicina a casa: io, i tre fratelli pugliesi che la gestivano e Olindo, un altro amico. Quattro appassionati di calcio più che quattro tifosi».

Suiderby giocati a Torino e Avellaneda: “Ad Avellaneda il derby è piccante, chi vince RacingIndependiente può sfottere gli amici per mesi. La Juve è il club a cui sono stato più legato, mentre a Verona era tutto un po’ più piccolo. Io però non ho mai giocato il derby a cui pensavo da bambino: quando ero piccolo, la mia squadra era il River”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy