MONDIALE – Buffon: “Alcuni sono mancati…”

MONDIALE – Buffon: “Alcuni sono mancati…”

”E’ un fallimento, sono triste per la squadra e per la nazione”. Sono le prime parole di Gigi Buffon, capitano azzurro, dopo l’eliminazione dell’Italia dal Mondiale. ”Ora dovremo fare tutti un bell’esame di coscienza”, ha detto il portiere ritirando il premio di miglior giocatore della partita. ”Non si sa da…

E’ un fallimento, sono triste per la squadra e per la nazione”. Sono le prime parole di Gigi Buffon, capitano azzurro, dopo l’eliminazione dell’Italia dal Mondiale. ”Ora dovremo fare tutti un bell’esame di coscienza”, ha detto il portiere ritirando il premio di miglior giocatore della partita.  ”Non si sa da dove nasce questo fallimento. Avevo iniziato bene e, vista la prima vittoria, ci eravamo fatti delle illusioni. Poi, dopo la seconda brutta gara, anche oggi abbiamo creato poco e siamo usciti meritatamente“, ha aggiunto il numero uno dell’Italia. 

 

Poi non l’ha mai nominato esplicitamente, ma le durissime parole del capitano Buffon, oggi il migliore in campo dell’Italia insieme a Verratti, sono chiaramente rivolte a Mario Balotelli: “penso che in quest’Italia chi ha dimostrato sempre di meritare di vestire la maglia Azzurra sono i vari Pirlo, De Rossi e gli altri senatori. Tutti dicono che siamo vecchi, ma abbiamo dimostrato sempre quanto valiamo nonostante le troppe critiche. Invece qualche altro non lo merita, io penso che d’ora in poi nell’Italia debba giocare solo chi merita sul campo con i fatti di vestire questa maglia così importante, e non che viene convocato così per sentito dire, per quello che vorrebbe o potrebbe fare, per quello che si dice possa fare ma poi non lo fa mai. Sicuramente dopo il Mondiale del 2010 ci sono state due competizioni dove abbiamo ben figurato, secondi all’Europeo e terzi alla Confederations Cup. Si pretende la massima serenità di giudizio e correttezza da parte di tutti. Si sente dire che c’è bisogno di ricambi, che Pirlo, Buffon, Barzagli, De Rossi sono vecchi, ma poi quando c’è da tirare la carretta sono sempre questi in prima fila. Andrebbero rispettati di più loro per quello che hanno fatto e quello che rappresentano ancora adesso. Quando si va in campo si deve fare e non basta più vorrebbe fare o farà”, la critica del portiere della Nazionale.“.  (Calcioweb)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy