Buffon da record: stasera 700^ da professionista

Buffon da record: stasera 700^ da professionista

Quella di stasera contro il Lione sarà una partita molto particolare perGigi Buffon. Aldilà dell’importanza intrinseca del match, valevole per i quarti di finale di Europa League. sarà infatti, per il portiere della Juventus, occasione per festeggiare la 700^ presenza in partite ufficiale. Un traguardostraordinario, degno di un calciatore che…

Quella di stasera contro il Lione sarà una partita molto particolare perGigi Buffon. Aldilà dell’importanza intrinseca del match, valevole per i quarti di finale di Europa League. sarà infatti, per il portiere della Juventus, occasione per festeggiare la 700^ presenza in partite ufficiale. Un traguardostraordinario, degno di un calciatore che ha scritto pagine indelebili della storia del calcio italiano, e del quale si parlerà anche tra un secolo.

 

 

Ne è passata di acqua sotto i ponti da quando, nel lontano 19 novembre 1995, esordì diciassettene nel calcio dei ‘grandi’ con la maglia del Parma, affrontando il Milan. Da lì in poi fu un’ascesa continua: il rigore parato a Ronaldo, l’esordio in nazionale a 19 anni, la vittoria in Coppa Uefa con il Parma ed il trasferimento alla Juventus, con cui ha vinto tanto, ma non tutto. Il trionfo nel Mondiale del 2006, dove il marchio di Buffon fu pesantissimo e decisivo, e subito dopo il buio dellaretrocessione in Serie B per i fatti di calciopoli. La decisione di rimanere in bianconero anche nella serie cadetta e poi la risalita in Serie A, culminata un paio di anni dopo dai successi conquistati in campionato sotto la guida dell’amico e allenatore Antonio Conte. In mezzo anche qualche episodio spiacevole, come la depressione, poi superata, e il matrimonio in crisi conAlena Seredova. Stasera Buffon scriverà un’altra pagina di storia, toccando le 700 partite con i professionisti. A 36 anni ha ancora fame di vittorie, soprattutto di un trofeo internazionale con un club, che gli manca dal lontano 1998/1999: iniziare con l’Europa League sarebbe per lui cosa gradita, ma il sogno più grande si chiama Champions League. Buffon ci crede, sarà difficile, ma c’è ancora qualche anno a dispozione. Del resto. un certo Dino Zoff riuscì a vincere il Mondiale alla veneranda età di 40 anni…

(Calcioweb.eu)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy