Marotta: “Osvaldo ci piace, ma prima dobbiamo vendere”

Marotta: “Osvaldo ci piace, ma prima dobbiamo vendere”

TORINO – Presente al decennale dello Juventus Club Parlamento, in ricordo di Gianni e Umberto Agnelli, il presidente della Juventus Andrea Agnelli ha parlato della situazione calcistica in Italia, come riportato da Gazzetta.it: “L’immobilismo di questo Paese e di questo Parlamento tolgono competitività al calcio italiano e alla Juventus, squadra…

TORINO – Presente al decennale dello Juventus Club Parlamento, in ricordo di Gianni e Umberto Agnelli, il presidente della Juventus Andrea Agnelli ha parlato della situazione calcistica in Italia, come riportato da Gazzetta.it: “L’immobilismo di questo Paese e di questo Parlamento tolgono competitività al calcio italiano e alla Juventus, squadra leader di questo sport. Il calcio è una vetrina eccezionale per il Paese, ma il suo futuro è in pericolo. Serve una semplificazione e un ammodernamento delle normative. La vostra attività istituzionale può aiutarci, abbiamo bisogno di riforme serie e veloci. Non vogliamo finanziamenti. Noi rappresentiamo ogni anno l’1,6% del Pil nazionale, chiediamo solo di poterci sviluppare. 

Servono un testo unico sullo sport, una riforma della legge sul lavoro. I nostri calciatori sono equiparati a lavoratori dipendenti, ma fatturano come aziende. Ci aspettiamo che i nostri marchi siano tutelati maggiormente dalla contraffazione, come avviene all’estero. E ci aspettiamo leggi sull’impiantistica, perchè non è possibile che solo la Juventus abbia uno stadio all’altezza di quelli inglesi o tedeschi in Italia. Senza questi interventi la Juventus perderà di competitività, mentre noi vogliamo primeggiare anche in Europa. Sono certo che anche voi vorreste far eccellere il nostro Paese”.

Presente anche Beppe Marotta, il quale ha dichiarato:  “Il rinnovo di Conte? E’ una formalità, lui sta bene con noi: avrà occasione di incontrarsi con Agnelli al momento giusto. Rinnoverà presto. Un futuro alla ferguson per lui? Sappiamo che la mentalità del calcio italiano è molto lontana da queste cose, ma per la Juve Conte è un punto di riferimento importante, perciò potrebbe diventare il nostro Ferguson. Osvaldo? E’ un nazionale, ci piace, ma non solo a noi: prima di comprare dobbiamo vendere. Vucinic andrà via se ce lo chiederà, ma questo ancora non è avvenuto. Buffon sta attraversando un momento difficile, deve riuscire a separare l’uomo dall’atleta, ma sono sicuro che ci riuscirà: è un profesisonista, parerà i colpi. Juve-Inter? Vale tre punti: anche se c’è molta animosità intorno, è una sfida come tutte le altre”.

(fonte: tuttojuve.com)

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy