MAROTTA: “Partita importante. Pogba? a fine stagione vedremo”

MAROTTA: “Partita importante. Pogba? a fine stagione vedremo”

L’amministratore delegato della Juventus, Giuseppe Marotta, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport. Tuttojuve.com sta riportando in tempo reale le sue dichiarazioni: Marotta, questa è come una finale…”Sì, condivido l’analisi che avete fatto. Tra le quattro, queste sono le due formazioni più accreditate. Purtroppo il sorteggio non è stato fortunato,…

L’amministratore delegato della Juventus, Giuseppe Marotta, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport. Tuttojuve.com sta riportando in tempo reale le sue dichiarazioni:

Marotta, questa è come una finale…
“Sì, condivido l’analisi che avete fatto. Tra le quattro, queste sono le due formazioni più accreditate. Purtroppo il sorteggio non è stato fortunato, di conseguenza ci affrontiamo stasera. Però secondo me a livello di valori sono le due squadre migliori”.

 

 

Che vigilia è per lei e per l’ambiente da quando è arrivato qui? Come tensione della vigilia può ricordare quella di Trieste? O ancora no?
“Quella di Trieste era una tensione particolare, era la prima volta che assaporavamo una serata di quel genere. Il primo Scudetto sicuramente ha un sapore particolare. Poi, come si suol dire, l’appetito vien mangiando, ci siamo abituati a rivincere lo Scudetto, stiamo per concludere il terzo Scudetto, ci manca poco, ma vogliamo assolutamente ottenerlo. Ma soprattutto siamo ritornati competitivi in campo europeo. Abbiamo partecipato per due volte al gironcino della Champions League: il primo anno siamo stati addirittura eliminati dal Bayern che poi ha vinto la Champions. Quest’anno purtroppo non l’abbiamo fatto molto bene, ma oggi siamo qua a giocarci una semifinale nel nostro stadio, una semifinale per una Coppa magari meno importante della Champions, ma diventa altrettanto importante nel momento in cui pensiamo che la finale si disputa a casa nostra, nel nostro stadio”.

Si è parlato spesso di soldi e di fatturati. C’è una squadra che ha speso 80 milioni per costruire una squadra intera e un’altra che ne ha spesi 100 solo per un giocatore. Che esempio è l’Atletico Madrid per squadre che non possono permettersi un giocatore da 100 milioni?
“Credo che la presenza dell’Atletico sia comunque un’eccezione, ogni anno abbiamo assistito nelle fasi delle semifinali, su quattro squadre, tre hanno fatturati altissimi e magari una è, non dico outsider, ma una squadra che si è inserita in un modo straordinario. Però se noi prendiamo ad esempio gli ultimi cinque anni vediamo che a livello di risultati finali ci arrivano sempre le stesse squadre. Quindi questo significa che la regola è quella che chi ha un fatturato alto può benissimo spendere di più, però il calcio è uno sport dove non sempre chi più spende, più ottiene risultati. L’Atletico Madrid è un esempio che sicuramente si ripeterà negli anni futuri”.

Tuttojuve.com

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy