Barzagli rischia di saltare Firenze

Barzagli rischia di saltare Firenze

Verso il Franchi con un Carlitos Tevez in più, ma pure con un Andrea Barzagli a rischio dopo il dolore avvertito ieri sera durante il riscaldamento pre-Genoa. Non tale, comunque, da far sì che il difensore non potesse seguire la gara dei compagni seduto in panchina. Un fastidio muscolare che…

Verso il Franchi con un Carlitos Tevez in più, ma pure con un Andrea Barzagli a rischio dopo il dolore avvertito ieri sera durante il riscaldamento pre-Genoa. Non tale, comunque, da far sì che il difensore non potesse seguire la gara dei compagni seduto in panchina. Un fastidio muscolare che ha spinto tanto il giocatore quanto Antonio Conte e lo staff medico a procedere con un cambio di programma. Niente Genoa per Barzagli, il cui nome già compariva nelle distinte ufficiali, e dentro Giorgio Chiellini, che inizialmente l’allenatore avrebbe voluto preservare per l’eurosfida di giovedì contro la Fiorentina. Già, perché da ieri notte, e per i prossimi quattro giorni, il terzo scudetto consecutivo e i record passano in secondo piano. In casa Juve l’attenzione si sposta sull’Europa League. Contro la Fiorentina ci sarà bisogno di una Juventus in formato top per ribaltare l’1-1 dello Stadium. Conte lo sa bene e ha già cominciato a ragionare sull’undici migliore da contrapporre alla formazione di Vincenzo Montella. Idee e progetti soggetti a variazioni nelle prossime ore in base allo stato di salute dei singoli dopo le botte subite nei durissimi scontri di gioco contro i genoani. La priorità è Barzagli: in giornata il difensore verrà visitato in modo più approfondito per avere un quadro più chiaro in ottica Fiorentina. In caso di forfait, c’è Martin Caceres in pole position per sostituirlo, con Bonucci e Chiellini a completare il terzetto. 

 

 

LUCIDATO – Di certo lo Special One bianconero (e la Juventus tutta) vuole conquistare il biglietto per i quarti d’Europa League. Si è capito anche dalle mosse degli ultimi due giorni. Carlitos Tevez è stato lasciato a Vinovo per tirarsi a lucido e Giorgio Chiellini, non fosse stato per il contrattempo dell’ultimo minuto occorso a Barzagli, a Marassi sarebbe rimasto in panchina per poi riprendersi il posto al Franchi. Piano cambiato per il livornese, ma non per l’argentino, che al posto della trasferta in Liguria si è sciroppato un programma personalizzato per migliorare lo stato di forma dopo i problemi legati all’infiammazione del tendine rotuleo. Tevez, con il suo mix di classe e furore, dovrà guidare la remuntada del Franchi, inseguendo quel gol europeo che gli manca dal 2009. Un gol che non sarà un’ossessione per lui, ma che potrebbe essere vitale per le ambizioni di Coppa dei bianconeri. Per arrivare alla finale dello Juventus Stadium, c’è prima da staccare il biglietto per i quarti nella bolgia fiorentina. (Tuttosport)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy