Mou e Conte tornano alla carica: all-in su Dybala

Mou e Conte tornano alla carica: all-in su Dybala

L’attaccante argentino è finito nel mirino dei due club inglesi, che hanno bisogno di un grande colpo nel reparto avanzato

11 commenti

TORINO – Dopo i tanti interessamenti provenienti dalla Liga, ora Paulo Dybala è un obiettivo concreto anche di diverse big della Premier League. L’attaccante argentino, che nella finale di Cardiff ha steccato contro il Real Madrid, è finito nel mirino di José Mourinho e Antonio Conte. Secondo quanto riportato dal Mundo Deportivo Manchester United e Chelsea sono pronte all’assalto per Dybala, sfruttando proprio la delusione di Cardiff come elemento per convincere sia la Juve che l’argentino a dire sì. Entrambe le squadre, per motivi diversi, sono costrette a fare un grande colpo in attacco la prossima estate e Dybala è uno di quei nomi che potrebbero veramente accendere la fantasia dei tifosi.

Paulo-Dybala
Paulo-Dybala

Il problema Atletico

 

Il Manchester United aveva già messo in preventivo un grandissimo investimento per l’attacco, specialmente dopo il grave infortunio di Zlatan Ibrahimovic. Il giovane Rashford ha fatto molto bene al suo posto, ma lo United ha bisogno di un grande nome anche per accendere la piazza e avanzare la sua candidatura nella lotta alla Premier League. I Red Devils erano a un passo da Antoine Griezmann, solo che poi il TAS ha bloccato il mercato in entrata dell’Atletico Madrid, che non potendo prendere un sostituto all’altezza ha bloccato immediatamente qualsiasi possibile trattativa per il francese. Ecco dunque che Mourinho ha studiato le piste alternative e uno dei nomi messo in cima alla lista è proprio quello di Paulo Dybala, il cui prezzo del cartellino è simile a quello di Griezmann (80/90 milioni di euro circa).

 

Paulo-Dybala
Paulo-Dybala

Caviglia ko

 

Il tridente Pedro-Hazard-Diego Costa in realtà è stata una delle chiavi del successo in Premier di Antonio Conte, ma incombe la Champions e servirà almeno un altro grande nome per gestire al meglio le tre competizioni. L’idea del Chelsea era quella di fare un colpo importante, ma di andare a prendere un’alternativa ai titolari, ma la tegola arrivata poche ore fa del brutto infortunio ad Eden Hazard ha cambiato le carte in tavola. Il numero dieci dei blues ha riportato una frattura alla caviglia che lo terrà fuori almeno per tre mesi, costringendolo a saltare la prima parte della stagione. Visto che Antonio Conte non lascia mai nulla al caso ha già messo nel mirino Dybala come possibile alternativa ad Hazard, con l’argentino che poi con il rientro del belga potrebbe giocare proprio al fianco dell’ex Lille alle spalle di Diego Costa.

 

Paulo-Dybala
Paulo-Dybala

 

Volontà della Juventus

 

La Juventus è sempre stata molto chiara riguardo il futuro di Paulo Dybala, l’argentino è uno dei protagonisti intorno al quale costruire la squadra del presente e del futuro. Il recente rinnovo di contratto fino al 2022 ne è la dimostrazione, ma certo che un’offerta importante, vicina a quella ricevuta meno di dodici mesi fa per Pogba, potrebbe veramente spingere la Juve a cambiare idea. Nonostante il recente rinnovo – sempre secondo Mundo Deportivo – Dybala vorrebbe comunque delle garanzie tecniche per rimanere a Torino. La Juventus dovrà rinforzare la panchina perché, come dimostrato a Cardiff, per vincere la Champions servono maggiori alternative di qualità, cosa che al momento i bianconeri non hanno.

11 commenti

11 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Chitarrista56 - 5 mesi fa

    Dybala non è un campione e comunque non sarà mai un fuoriclasse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. deblin53 - 5 mesi fa

    Anche per lui, come per Bonucci, in caso di partenza non mi strapperei i capelli. Ho visto tanto fumo, ma pochissimo arrosto in tutto l’arco del campionato, quindi…..io poi accetto tutte le decisioni della società,che credo, certamente più competente di me sull’argomento.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. cremo4_938 - 5 mesi fa

      OK per Bonnucci, ma Dybala deve restare e giocare nel ruolo che gli è più congeniale

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. 4wlavle_475 - 5 mesi fa

    Io ricordo la finale di Athene dove Bettega e soci parevano appena usciti da una flebo di pentothal tanto erano immobili in campo. A cardiff è stato molto peggio. Sicuramente il real era più forte a centrocampo, dove ci hanno distrutti. Ma non ho visto alcuna reazione neppure da parte di chi, come dybala, aveva i numeri per tentare almeno una superiorità numerica, un dribbiling qualcosa. Diciamo che è stato marcato benissimo nulla da dire, marcelo ci ha sovrastati ed ha spazzato via l’argentino. Però chiedo ad allegri, a dybala ed alla squadra come mai non si è visto un minimo di gioco, di spirito di gruppo se non nei primi 10 minuti. Khedira e Pjanic hanno preso atto che davanti ne avevano troppi e sono spariti. La difesa è saltata 3 gol li prendevamo anche da lapadula e penzo. Davanti higuain si faceva portare al guinzaglio da sergio ramos. Dybala che pure partiva da distante è andato a cercarsi rogne, ammonizioni, contrasti senza mai incidere. Capisco che se la squadra non gioca è difficile giocare però per favore ragazzi… eh?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. pigallo6_300 - 5 mesi fa

      Senza polemica …ma quando mai la Juve ha avuto un gioco propositivo? Sempre e solo difesa di ferro e contropiede più i campioni che ti risolvono la partita. Ma se poi non girano come l’altra sera? E cmq in UE non basta per questo le italiane vincono poco. Higuain è recidivo, le partite che contano le sbaglia sempre.
      Ma se Dybala deve fare il mediano sul trequartista e dare e prendere calcioni a centrocampo lontano dalla porta ovvio che non fa la differenza. Dybala deve essere libero di fare gioco negli ultimi 30 mt, non correre da una parta all’altra del campo. In Italia, non solo alla Juve, manca il coraggio di giocare all’attacco . Il Milan che vinceva nel mondo faceva la partita, imponeva il gioco. Il Napoli ha fatto migliore figura col Real. ha perso uguale ma giocandosi la partita e per lunghi tratti chiudendo il Real nella sua area. Poi il gap di esperienza era troppo ma è uscito a testa alta. La Juve no. Non è che giocare bene e vincere siano antitesi. Né si deve andare per forza al circo per divertirsi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. noar_149 - 5 mesi fa

        Ricordiamoci che questo grande Real é arrivato in finale derubando il Bayern con due goal in fuorigioco, per non parlare dell´espulsione. Ció non toglie che abbiano meritato di vincere. Il Napoli in due partite di goal ne ha beccati 5 ed é stato in partita per un tempo esattamente come la Juve. I tempi del grande Milan erano diversi, aveva una grande squadra ma le avversarie erano diverse. Non penso che uno Steaua avrebbe solo una minima chance di arrivare in finale per non dire vincerla. Ció non toglie che era un Milan stellare, questa Juve no. Il Milan per esempio di scudetti ne vinceva pochi ma in finale si trasformava, noi invece ci sciogliamo…Perché? Le finali si vincono prima di tutte nella testa,col cuore,con la rabbia, é tutto questo tanto per cambiare é rimasto nel secondo tempo negli spogliatoi!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. cremo4_938 - 5 mesi fa

        Concordo al 100%

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. cremo4_938 - 5 mesi fa

      Analisi perfetta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. 4wlavle_86 - 5 mesi fa

    Il problema è che vincere contro il torino o il crotone è DIFFERENTE che vincere contro il barca o il real. Capisci da solo caro Dybala che 6 scudetti vinti contro nessuno non valgono una finale persa male contro qualcuno…
    Sarebbe ora di fare la Superlega e imparare a giocare contro quelli forti, anziché continuare a prendere per le natiche quelli più deboli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. pigallo6_300 - 5 mesi fa

      Imparare a giocare, non con quelli forti..cioè avere un gioco propositivo votato all’attacco e non contare solo una difesa di ferro e l’acuto di qualche campione. Che se poi non girano si fanno figure come l’altra sera. Quando preverrà l’idea che per divertirsi non è necessario andare al circo ma basta darsi un minimo di gioco ed avere un po’ più di coraggio. Il Milan era uno spettacolo. Vinceva e divertiva perchè aveva un gioco che incantava. Ed il Napoli, inferiore alla Juve come individualità ha fatto miglior figura della Juve ma uscendo a testa alta dopo una partita che ha divertito tutti. Magari un ‘autocritica di Allegri sarebbe meglio di qualche altro campione messo poi a rincorrere l’avversario . Tipo Dybala che fa il mediano a centrocampo dovendo marcare il trequartista, o Mandzukic che fa il terzino. basta gioco speculativo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. deblin53 - 5 mesi fa

        Vorrei rafforzare ancora il tuo pensiero ma, mi riesce difficile, hai conclamato una sacrosanta realtà. Bravissimo

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy