Juventus, per Cavani strada in salita

Juventus, per Cavani strada in salita

TORINO – E’ in salita la strada bianconera per Cavani. Ieri l’ad della Juventus Marotta aveva tolto facili illusioni ai tifosi: “Non credo che si possa iniziare una trattativa concreta”. Spaventano ovviamente i costi dell’operazione: un quadriennale da 6-7 milioni di ingaggio a stagione per il giocatore, per una spesa…

TORINO – E’ in salita la strada bianconera per Cavani. Ieri l’ad della Juventus Marotta aveva tolto facili illusioni ai tifosi: “Non credo che si possa iniziare una trattativa concreta”. Spaventano ovviamente i costi dell’operazione: un quadriennale da 6-7 milioni di ingaggio a stagione per il giocatore, per una spesa complessiva molto vicina ai 50 milioni lordi, più un’altra cinquantina di milioni per prelevare il cartellino dell’uruguayano di proprietà del Psg. Oggi comunque il numero uno del club parigino, Al-Khelaifi, ha detto che il “Matador”, almeno a parole, non è sul mercato: “Cavani ha dichiarato che ci vedremo l’anno prossimo? Sicuramente, abbiamo detto ogni volta la stessa cosa – così Al-Khelaifi ai microfoni di Téléfoot -. Edinson è il futuro del nostro club, resterà qui da noi e si dimostrerà il grande attaccante e il grande uomo che è”. La Juve, che si è già assicurata Dybala, atteso a Torino tra una settimana per le visite mediche, ha comunque diverse alternative che rispondono ai nomi di Falcao, Van Persie, Dzeko e Higuain.

 

Certo, i piani del Psg potrebbero cambiare se la Signora decidesse di mettere sul piatto della trattativa quel Pogba che Al-Khelaifi ha incontrato (e provato a sedurre) qualche mese fa a Montecarlo. “Abbiamo già una grande squadra con grandi giocatori, ma vogliamo continuare a lavorare per inseguire il nostro sogno europeo – ha aggiunto il patron del Psg -. Quanto a Pogba, ho già detto che non parlo di mercato con i media.

 

Quando avremo l’accordo con un giocatore, lo saprete”. Ieri l’agente Raiola, presente allo Stadium, tra una battuta e l’altra ha detto di essere pronto a portare il suo celebre assistito “dove lo pagano di più”. In questo senso, il Psg avrebbe davvero pochissimi rivali. Ma il “Polpo”, sul quale ci sono anche gli occhi di City, Barcellona e Chelsea, a un ritorno da profeta in patria preferirebbe un’avventura nella Liga spagnola con la maglia blaugrana, a partire dal 2016, anno in cui la Fifa sbloccherà il mercato dei catalani.

Tra Juve e Barça per adesso c’è soprattutto una Champions League da assegnare. Tra oggi e domani lo staff medico bianconero valuterà le condizioni di Barzagli, costretto a uscire nell’intervallo di Juve-Napoli per un indurimento muscolare alla coscia. La missione-Berlino, con capatina domenicale a Verona per l’ultima di campionato, comincerà di fatto mercoledì, quando la squadra riprenderà a lavorare a Vinovo dopo tre giorni di riposo-premio. Era dalle vacanze di Natale che Allegri non concedeva ai suoi un “rompete le righe” così lungo. “Dobbiamo staccare e recuperare energie fisiche e mentali”, ha detto il tecnico livornese, convinto che “il riposo, a volte, è importante quanto il lavoro”. Del resto, a proposito di situazioni inedite o quasi, nell’anticipo di sabato, ultima apparizione interna dei bianconeri, se ne sono viste parecchie: dal primo gol in bianconero di Sturaro al primo centro allo Stadium del Napoli, dal ritorno in campo di Asamoah a quasi sette mesi dalla sua ultima apparizione (Juve-Olympiacos 3-2, 4 novembre 2014) al ritorno al gol di Simone Pepe dopo 1137 giorni di astinenza (Juve-Lazio 2-1, 11 aprile 2012), fino alle sei parate di capitan Buffon, mai così tante in un incontro di questa Serie A. Sempre a proposito di prime volte, ieri nella tribuna dello Stadium c’erano due ospiti mai visti: il cestista Nba nonché tifoso milanista Danilo Gallinari (originario di Sant’Angelo Lodigiano, lo stesso paese di Matri) e soprattutto il grande regista Wim Wenders. Sì, proprio quello del cielo sopra Berlino… repubblica.it

 

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy