Juve, Shaqiri o Hajrovic per Allegri

Juve, Shaqiri o Hajrovic per Allegri

TORINO – La Juventus, in vista delle prossime sessioni di mercato, pensa sempre al colpo Xherdan Shaqiri, il talento, nelle menti della dirigenza bianconera, di far accrescere il tasso qualitativo della rosa. Lo svizzero gioca pochissimo nel Bayern Monaco e vorrebbe più spazio, ma i bavaresi – per il momento…

TORINO – La Juventus, in vista delle prossime sessioni di mercato, pensa sempre al colpo Xherdan Shaqiri, il talento, nelle menti della dirigenza bianconera, di far accrescere il tasso qualitativo della rosa. Lo svizzero gioca pochissimo nel Bayern Monaco e vorrebbe più spazio, ma i bavaresi – per il momento – di vendere il numero 11 proprio non hanno alcuna intenzione. Ecco, quindi, spuntare la soluzione di riserva. Il club di Corso Galileo Ferraris, qualora dovesse accorgersi che è impossibile arrivare all’elvetico, punterebbe su Izet Hajrovic, trequartista 23enne in forza al Werder Brema.

 

Il mancino ha origini balcaniche proprio come Shaqiri ma, mentre lo svizzero pur nascendo in Kosovo ha optato per la nazionale rossocrociata, Hajrovic è nato in Svizzera ma ha scelto la Bosnia. Promessa del calcio bosniaco, cresciuto nel Grasshoppers, ha visto nel corso degli ultimi anni molti club interessarsi a lui, senza però che nessuno di essi si decidesse ad acquistarlo fino allo scorso gennaio, quando il Galatasaray decise di prenderlo, pagando 3,5 milioni di euro il suo cartellino, per poi cederlo in prestito quest’anno al Werder. Finora non ha incantato in Germania, e la sua stella ha perso lucentezza; tuttavia la Juve è certa di poterlo riconsegnare al suo antico splendore. Hajrovic è un trequartista mancino che dà il meglio di sé quando può partire dalla destra per accentrarsi e sfruttare il sinistro, molto potente e preciso, anche sui calci piazzati. Il suo prezzo è di 4 milioni. Lo riporta l’elvetico Ticinoonline. (TMW)

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy