Juve, Pres. Barcellona: ‘Pogba un grandissimo, ma non lo prendiamo. Per ora’

Juve, Pres. Barcellona: ‘Pogba un grandissimo, ma non lo prendiamo. Per ora’

Il Barcellona fa sul serio per Paul Pogba, centrocampista classe 1993 della Juventus al centro di diverse voci di mercato che lo vogliono in partenza la prossima estate, nonostante un contratto recentemente prolungato fino a giugno 2019 e con un ingaggio portato ai livelli dei migliori compagni di squadra (circa…

Il Barcellona fa sul serio per Paul Pogba, centrocampista classe 1993 della Juventus al centro di diverse voci di mercato che lo vogliono in partenza la prossima estate, nonostante un contratto recentemente prolungato fino a giugno 2019 e con un ingaggio portato ai livelli dei migliori compagni di squadra (circa 4,5 milioni di euro). A confermare l’interesse per l’asso francese niente poco di meno che il presidente del club catalano Josep Bartomeu, che ha parlato così a RMC Sport: “Pogba è un grandissimo calciatore. Al momento però non abbiamo previsto il suo acquisto“. Una parziale ammissione, visto che la formazione spagnola non potrà fare mercato fino a gennaio 2016, o meglio potrà fare operazioni in uscita e anche in entrata a partire dalla prossima estate, ma queste ultime potranno essere ufficializzate solamente al termine del periodo di sospensione imposto dalla Fifa per le violazioni commesse in tema di tesseramento di calciatori minorenne. 

 

Nella giornata di oggi, il quotidiano La Stampa ha riportato le dichiarazioni di Mino Raiola, agente di Pogba, seguito anche da Real Madrid, Paris Saint Germain e Manchester City: “Per lui da inizio anno ho ricevuto più di duemila telefonate, quasi 20 al giorno, di quelle serie, un paio al giorno, per ora tante proposte di fidanzamento, ma nessuna che valga un matrimonio. Con la Juve abbiamo firmato per 5 anni. Ma siamo tutti gentiluomini: se arriva l’offerta giusta per Pogba e per la Juve, si fa”.  (calciomercato.com)

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy