Juve porte aperte: pronti a partire cinque o sei big

Juve porte aperte: pronti a partire cinque o sei big

 Avrà anche il fatturato più alto in serie A ma per operare sul calciomercato la Juventus avrà bisogno di vendere. L’equilibrio del bilancio è importante quanto rafforzare la rosa ed è per questo che Marotta sta operando in due direzioni: la prima porta all’acquisto di almeno un top-player più altri…

 Avrà anche il fatturato più alto in serie A ma per operare sul calciomercato la Juventus avrà bisogno di vendere. L’equilibrio del bilancio è importante quanto rafforzare la rosa ed è per questo che Marotta sta operando in due direzioni: la prima porta all’acquisto di almeno un top-player più altri due-tre giocatori di valore (da Nani e Sanchez fino a Cerci e Baselli), la seconda porta a qualche sacrificio. Anche la voce “calciatori in uscita” è ricca: alcune sono scelte tecniche e cambi dettati dalla volontà di sfoltire il monte ingaggi, una – ma pesante – è la rinuncia forzosa con la quale sostanzialmente finanziare tutto il mercato in entrata. Nessun mistero, si tratta di Paul Pogba che ufficialmente è stato confermato, sia pure a mezza bocca, ma che ufficiosamente sembra destinato a lasciare Torino.

 

 

Il prezzo del suo cartellino ha raggiunto quotazioni stratosferiche e difficilmente migliorabili. Si potrebbe anche tentare di rinviare l’addio ma il giocatore, ovviamente, per rimanere anche solo un altro anno chiede un robusto adeguamento dell’ingaggio. L’impressione è che la Juventus abbia preso piena consapevolezza che il momento migliore per cedere il calciatore è questo. Chissà che in futuro il fair-play finanziario non renda infatti complicate operazioni come questa che viaggiano attorno ai 60-70 milioni di euro. Che sono quelli pronti a mettere sul piatto sia il Psg che il Real Madrid.

Con una differenza sostanziale: i francesi sarebbero disposti a versare la cifra cash, mentre i blancos tenderebbero a inserire una contropartita tecnica (Coentrao o Di Maria). Si vedrà ma di sicuro non è solo Pogba destinato a lasciare Torino. Prima e ancor più di lui infatti ci sono parecchi degli attuali attaccanti che non vestiranno la maglia bianconera l’anno prossimo. Partiranno sicuramente sia Quagliarella che Vucinic, che già a gennaio sembravano avere le valigie pronte. Il primo decise di rifiutare la Lazio, che non poteva garantirgli lo stesso stipendio, il secondo rimase coinvolto nel pasticciaccio brutto dello scambio fallito con Guarin. Entrambi hanno mercato in Premier League, dalla loro cessione i bianconeri contano di incassare intorno ai 8 milioni di euro complessivamente. Non verrà riscattato neanche Osvaldo, che costa troppo e che farà ritorno in Inghilterra così come sono a rischio cessione Padoin e Isla, ma il cileno verrà dato via solo per una cifra non inferiore ai 7-8 milioni. 

Tio.ch

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy