Juve, nell’operazione Tevez arriva Vadalà, il piccolo Messi…

Juve, nell’operazione Tevez arriva Vadalà, il piccolo Messi…

L’etichetta di “nuovo Messi” lo accompagna da quando a 12 anni il Barcellona lo chiamò per un provino. Guido Vadalà entrò alla Masia accompagnato dal padre e impressionò i dirigenti blaugrana. Sembrava tutto fatto, ilBarcellona lo aveva scelto, come fece anni prima con il piccolo Leo. La storia non ebbe…

L’etichetta di “nuovo Messi” lo accompagna da quando a 12 anni il Barcellona lo chiamò per un provino. Guido Vadalà entrò alla Masia accompagnato dal padre e impressionò i dirigenti blaugrana. Sembrava tutto fatto, ilBarcellona lo aveva scelto, come fece anni prima con il piccolo Leo. La storia non ebbe il lieto fine, però: il papà di Guido si scontrò con i dirigenti, il contratto sfumò. Su di lui si buttò l’Atalanta: provino, qualche partita, poi il ritorno a casa, nelle giovanili del Boca. 

 

È nelle giovanili della squadra di Buenos Aires che il piccolo Guido alimenta la sua fama. Segna valanghe di gol, oltre 300 nei 14 campionati giovanili disputati. In una partita nel 2014 contro l’Argentinos Junior realizza addirittura 7 reti. È il segnale: è pronto per la prima squadra. Il debutto arriva in Libertadores, contro il Palestino. In totale, per ora, solo due presenze in prima squadra, una condita con assist e traversa. I tifosi bianconeri forse si chiederanno se Vadalà non sia un po’ troppo acerbo per il nostro calcio. Bisogna innanzitutto fare i conti con la sua carta d’identità: Guido ha 18 anni, è infatto nato l’8 febbraio 1997. Dove? A Rosario, ovviamente, la città di Leo Messi.

 

Che, manco a dirlo, è il suo idolo, al pari di Riquelme, con il quale si è allenato. A dispetto della sua statura non elevata, 167 cm, Vadalà non è semplicemente il classico furetto tutto dribbling. Ha il gol nel sangue, e i numeri lo dimostrano. In patria lo chiamano “Chiche”, il giocattolino. Perché dove lo metti sta, e ti fa divertire. Seconda, punta, trequartista, ala. Destro naturale, ha il dribbling facile, anzi facilissimo, Ma mai fine a se stesso. Ama sfornare assist, calcia dalla distanza. È un tuttofare dell’attacco con l’istinto killer per il gol.
Eccolo qui, Vadalà. Magari non sarà il nuovo Messi, ma di sicuro farà parlare di sé. (sportmediaset)

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy