Juve in ritardo e l’Italia riporta Giovinco in prima

Juve in ritardo e l’Italia riporta Giovinco in prima

TORINO – E’ di nuovo l’ora della Formica Atomica. Che silenziosa si è presa di nuovo le prime pagine, col suo fare operaio ma altresì geniale. Un passo, un altro, senza mai strafare nè alzare la voce. Da formichina consapevole di aver grande strada e ricco futuro davanti a sè,…

TORINO – E’ di nuovo l’ora della Formica Atomica. Che silenziosa si è presa di nuovo le prime pagine, col suo fare operaio ma altresì geniale. Un passo, un altro, senza mai strafare nè alzare la voce. Da formichina consapevole di aver grande strada e ricco futuro davanti a sè, Sebastian Giovinco non ha mai alzato polveroni per la panchina in casa Juventus e per la Nazionale perduta. Chiaro: l’arrivo di Antonio Conte nel ruolo di ct l’ha fatto sorridere e festeggiare, perché sa della stima che Conte ha in lui.

 

“Nessun favoritismo”, s’è affrettato a dire subito l’Antonio Nazionale e così è stato. Per questo, Giovinco, si è subito affannato, ha corso e meravigliato, pur di riprendersi una maglia azzurra. E’ di nuovo protagonista, tanto che ora fioccano le voci di mercato. Normale: è in scadenza a giugno e la Juventus, tra le migliori del globo nel gestire casi spinosi ed affini, stavolta ha peccato di troppa fiducia. Ora le proposte non mancano, dall’Inghilterra soprattutto, e l’entourage può pure alzare la posta, visto che alla scadenza non manca poi troppo. Però la volontà è bianconera, per lui, vedremo pure per la Juve. Ma se la Formica continuerà, così, a grandi passi, non ci saranno dubbi. Le copertine saranno ancora per lui. Quando le dimensioni non contano. (TMW)

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy