Il Real Madrid piomba su Vidal

Il Real Madrid piomba su Vidal

“Mi piacerebbe giocare nel Real Madrid”. Arturo Vidal lo disse dopo la gara di Champions dell’anno scorso, quella che vide uscire Pirlo dal campo salutato dalla standing ovation del pubblico ‘blanco’. Quasi una battuta quella del cileno, che rispose con un mezzo sorriso a Radio Onda Cero perché il pressing…

“Mi piacerebbe giocare nel Real Madrid”. Arturo Vidal lo disse dopo la gara di Champions dell’anno scorso, quella che vide uscire Pirlo dal campo salutato dalla standing ovation del pubblico ‘blanco’. Quasi una battuta quella del cileno, che rispose con un mezzo sorriso a Radio Onda Cero perché il pressing su di lui da parte delle ‘merengues’ non è cessato. Carlo Ancelotti lo ha messo in cima alla lista delle preferenze, in Europa non esiste un calciatore che abbia il suo profilo tattico: lotta, ruba palla, assicura quantità, partecipa e costruisce la manovra non la distrugge solo, fa gol. Tanti gol: 16 finora, tra coppe e campionato.

 

 

Potenziale enorme“Sono il migliore al mondo nel mio ruolo”, ha ammesso ‘King Arturo’. I numeri gli danno ragione, così come lo stuolo di estimatori: a cominciare dal commissario tecnico della nazionale cilena, Sampaoli, in visita a Torino (tappa del tour europeo per visionare lo stato di salute dei calciatori che militano nei campionati esteri). “Per quel che mi riguarda ritengo che Arturo abbia un potenziale enorme e che quando sarà al top sarà uno dei volanti più completi del mondo”.

‘Todocampista’. Così lo definisce il quotidiano sportivo iberico, che sulla prima pagina spiega anche la ragione di questo ritorno di fiamma improvviso: le condizioni fisiche di Gundogan, centrocampista tedesco del Borussia Dortmund sono tali da non ispirare fiducia. La Juve ha già rinnovato il contratto a Vidal fino al 2017 e lo stesso calciatore ha più volte ribadito di voler vincere anche in Europa con i bianconeri dopo aver stabilito in dominio in Italia. Ma se il Real Madrid deciderà di lanciare l’assalto al sudamericano, portando in dote ‘proposte indecenti’ (ma molto convenienti dal punto di visto economico) sia al cileno sia alla Juventus allora sarà più difficile resistere alla tentazione. Pagato circa 12 milioni (bonus compresi), il suo valore è cresciuto in maniera esponenziale: il Bayern Monaco ci ha provato con 40 milioni circa nell’estate scorsa, ma ne serviranno molti di più perché la Juve decida di sacrificare un calciatore “migliore al mondo nel suo ruolo”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy