Berardi annuncia: ” A 12 anni rifiutai i bianconeri”

Berardi annuncia: ” A 12 anni rifiutai i bianconeri”

Domenico Berardi ha parlato a “La Gazzetta dello Sport: “L’espulsione col Parma? Ho commesso degli errori che mi hanno aiutato a crescere – spiega ai microfoni di Andrea Tosi -. In quel periodo vivevo male la mia situazione e quella della squadra, avevo accusato l’esonero di Di Francesco (poi reintegrato,…

Domenico Berardi ha parlato a “La Gazzetta dello Sport: “L’espulsione col Parma? Ho commesso degli errori che mi hanno aiutato a crescere – spiega ai microfoni di Andrea Tosi -. In quel periodo vivevo male la mia situazione e quella della squadra, avevo accusato l’esonero di Di Francesco (poi reintegrato, ndr ), c’erano tanti problemi. Sto cercando di migliorare nell’autocontrollo ma non è sempre facile. A quali campioni mi ispiro? Messi per tecnica e classe, Ibrahimovic per potenza e abilità. Ma se guardo ai colpi, mi sento più simile a Robben. La Juve non è ancora arrivata? Sono e mi sento un prodotto del Sassuolo. A questo club, a questo ambiente, a tutte le persone che mi hanno permesso di realizzare il mio sogno devo tutto. Sto bene a Sassuolo, come fossi nella mia Calabria. Perciò sono contento che mi abbia riscattato. Per me questa è una favola: da ragazzino facevo il raccattapalle dietro la porta di Pomini, oggi ci gioco insieme.

 

La Juve è la Juve, fa piacere essere accostato a un grande club, può riscattarmi l’anno prossimo, tutto è aperto, ma non voglio pensarci. Però vi svelo un episodio: nel 2006, avevo 12 anni, un emissario juventino venne a vedermi in un torneo di Giovanissimi. Voleva portarmi subito a Torino ma io rifiutai perché non me la sentivo di lasciare la famiglia e la mia terra. Ricordo che piansi al pensiero di andare via. Nazionale? Ci spero. Ho tre obiettivi per questa stagione: segnare ancora tanti gol, raggiungere un bel centroclassifica col Sassuolo e andare all’Europeo con la Nazionale ma perché si realizzi quest’ultimo devono prima realizzarsi gli altri due. Poi quello che verrà verrà. Come sono fuori dal campo? Una persona tranquilla che ama il suo lavoro. Da ragazzino tifavo Inter, ora tifo solo per i motori, cioè Ferrari e Valentino Rossi. Vivo solo a Modena, sono fidanzato con Francesca, una ragazza di Sassuolo. I miei amici nel calcio sono tutti i miei compagni di squadra e Benassi del Torino”.  tuttojuve.com

 

Juvenews.eu

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy