Trapattoni ricorda l’Heysel : “Non si può tornare indietro. È essenziale ricordare”

Trapattoni ricorda l’Heysel : “Non si può tornare indietro. È essenziale ricordare”

L’ex giocatore bianconero ha postato una foto

di redazionejuvenews

TORINO – Mentre in casa Juve le attenzioni sono proiettate esclusivamente sulla scelta del prossimo allenatore, per tutto l’ambiente bianconero è doveroso, oggi, rivolgere più di qualche pensiero alle vittime che, il 29/05/1985 perdevano la vita allo stadio Heysel durante la finale di Champions League tra Juventus e Liverpool.

Uno Juventino vero fa colazione con caffè e Gazzetta! Risparmia il 50% sull’edizione digitale!Segui la Juventus ogni giorno con l’edizione digitale della Gazzetta dello Sport a 9,99 al mese anziché 19,99.

Uno che ci ha tenuto in modo particolare a ricordare e onorare le 39 persone che hanno perso la vita, è stato uno che quella orribile giornata l’ha vissuta in prima persona, scalfendone i ricordi che resteranno indelebili. Stiamo parlando di Giovanni Trapattoni che, attraverso il suo account Twitter ha postato una foto con i nomi di tutte le vittime e sotto la seguente citazione: “Non si può tornare indietro. Per questo è essenziale ricordare”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy