Lippi: “Da piccolo tifavo Milan, io non ho mai esasperato la tattica…”

Lippi: “Da piccolo tifavo Milan, io non ho mai esasperato la tattica…”

Le parole del ex CT della Nazionale italiana.

di redazionejuvenews

TORINO – Ecco le sue dichiarazioni:

Uno Juventino vero fa colazione con caffè e Gazzetta! Risparmia il 50% sull’edizione digitale! Segui la Juventus ogni giorno con l’edizione digitale della Gazzetta dello Sport a 9,99 al mese anziché 19,99.

SUL GIOCO – “In realtà quando non giochi bene è difficile che tu possa vincere vincere. Ai miei tempi ho avuto una Juve con tre attaccanti che pressavano altissimi. Il merito è non essere stato troppo integralista. Nella mia carriera non ho mai esasperato la tattica: se gli attaccanti pressavano alto, i centrocampisti accorciavano e così i difensori, in modo da evitare che gli avversari sarebbero stati pericolosi.

LA SUA SQUADRA – “Da bambino tifavo Milan. Abitavo in pineta, lì si allenavano Noletti, Trebbi, Liberalato. Tra l’altro rompevamo sempre le scatole”.

SUL CALCIO ITALIANO – “Come si guarisce? Si pensava che con tanti stranieri fosse finita, no? Invece nascono sempre giovani, da Chiesa a Zaniolo, come Totti e Del Piero. C’è la casualità, ma il lavoro sui giovani è decisivo, le grandi vittorie vengono dai momenti negativi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy