Giletti: ” Questa Juve è ancora al 70%”

Giletti: ” Questa Juve è ancora al 70%”

Massimo Giletti ha commentato il momento di forma dei bianconeri

di redazionejuvenews

TORINO – L’avvio di campionato dei bianconeri è stato abbondantemente superato, andando a fare bottino pieno e portandosi già a 3 lunghezze sul Napoli, e a 5 da Roma e Inter. A fare il punto della situazione sulla stagione appena cominciata è stato Massimo Giletti, intervistato dai microfoni di RMC Sport, durante la trasmissione Stile Bianconero: “Questa è una Juve che gira ancora al 70% come è giusto che sia, ma nonostante questo va avanti. Gli altri perdono punti, ma la Juve, con fatica, stringendo i denti, sbagliando, il risultato lo porta semprea casa. Vuol dire che mentalmente la Juve c’è sempre. Bisogna lavorare molto perché ci sono dei cambiamenti all’interno. Come lo stesso Bonucci che è vero che ritorna a casa, ma deve comunque ritrovarsi. Anche nel mio mestiere, la prima puntata non è mai perfetta. La Juve ha fatto diversi inserimenti e deve trovare gli equilibri. Su Dybala ogni volta si deve cercare qualcosa.   Lo scorso anno ha iniziato alla grande, poi ha avuto problemi. I numeri parlano per lui, io stesso avevo fatto un’intervista su La Gazzetta dello Sport in cui lo criticavo, poi ci siamo chiariti, ci siamo parlati. Io penso possa dare ancora più di quello che dà, è giovane, ha numeri molto importanti, se rapportati ai numeri di Del Piero quando era ragazzo si capiscono tante cose. Poi chiaro, qui arriva Ronaldo e cambia tutto e si aprono dei meccanismi diversiQuesta è un’annata molto importante anche a livello europeo. Se in Italia la strada credo sia quella di continuare a vincere e sarebbe strano non farlo in questa annata perché se no non si spiega il sacrificio di Caldara. Se hai preso Bonucci è per vincere subito e per sfruttare al massimo gli ultimi grandi anni di Ronaldo. È una strategia giusta. Pjanic era troppo solo e serviva un giocatore dietro di lui che costruisse. Se facciamo un’analisi di valore dei singoli giocatori però la Juve non rientra nemmeno nelle prime 10 squadre europee. Quindi quando si parla di Champions ci vuole molta, molta calma. Da un po’ di anni la Juve si mantiene da sola e Marotta e Paratici hanno fatto un grande lavoro portando un giocatore che dovrebbe essere il futuro come Emre Can a parametro zero. Poi Pogba, venduto alla grande. La Juve ha fatto tutto da sola. Il merito di questa Juve sono Marotta e Paratici, dobbiamo mettercelo in testa“.  Mentre si aspetta che la stagione entri nel vivo, nella nuova sede della Continassa preparano i colpi per gennaio.>>> CONTINUA A LEGGERE 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy