Giannini: “Non è scontato vincere con i giocatori più forti”

Giannini: “Non è scontato vincere con i giocatori più forti”

L’ex giocatore ha parlato a SoccerMagazine

di redazionejuvenews

TORINO – L’ex capitano della Roma Giuseppe Giannini ha parlato a SoccerMagazine.

“Cristiano Ronaldo ha sicuramente offuscato gli altri movimenti. Mi è piaciuto Pjaca alla Fiorentina, lo vedo un acquisto un importante. Giudizi sulle prime? Non lo so, perché è presto per dare giudizi, anche sulla Roma che comunque è criticata e sta attraversando un periodo non proprio brillantissimo. Però aspetterei, sono le prime partite. Anche la stessa Juve ha faticato vincendo la prima con il Chievo e anche a Parma. Prima di un giudizio io darei ancora la possibilità di rivedere le squadre perlomeno per 2-3 partite. Ronaldo senza Scudetto? Diciamo che questo può accadere. Non è detto che avendo tutti i giocatori più forti o perlomeno tra i più forti, tra cui uno dei migliori al mondo, sia scontato vincere il campionato e le competizioni. Non è assolutamente scontato, quindi lascerei aperta la finestra, anche se le altre si devono dare una svegliata: l’Inter, la Roma, il Napoli, insomma, le squadre che vogliono sperare fino in fondo devono comunque tenere il passo, non devono perdere punti. Totti? No, non mi è dispiaciuta perché in fin dei conti ha detto la verità, nel senso che sulla carta se confronti le formazioni, confronti le rose, confronti anche i trascorsi è chiaro che c’è una differenza evidente, però a me ha fatto invece piacere il fatto che sia uscito allo scoperto Francesco. Finalmente si è visto – credo e spero – quel Totti che tutti vogliamo vedere, con uno spazio maggiore ed una posizione anche leggermente più vasta sotto il profilo del lavoro dirigenziale. Ritiro bandiere? Io credo che una grande società comunque debba avere anche la sensibilità di capire in quel momento che un grande campione sta lasciando, e dall’altra parte c’è giustamente il discorso per il quale ogni società poi guarda il resoconto economico e i risultati sportivi. Quindi sono giuste tutte e due le cose. Certo, una certa sensibilità ci dovrebbe essere. Abbiamo di fronte la questione Totti, la questione Del Piero, ma non solo loro: io credo che diversi siano stati allontanati, venduti o mandati via in questo modo, come lo stesso Marchisio in questo momento. Però il calcio è questo, l’esperienza dice che una volta che non servi più sei messo nel dimenticatoio, sei accantonato, sei messo fuori. Questo è purtroppo lo sport, questa è la vita in questo momento”.

Calciomercato Juventus, clamoroso: due top player a gennaio!

Juvenews.eu

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy