Dybala racconta i suoi idoli: “Messi vorrei averlo sempre in squadra. Da bambino cercavo di imitare Riquelme e su Pirlo…”

Dybala racconta i suoi idoli: “Messi vorrei averlo sempre in squadra. Da bambino cercavo di imitare Riquelme e su Pirlo…”

L’attaccante argentino ha rilasciato delle dichiarazioni

di redazionejuvenews

TORINO – L’attaccante della Juve, Paulo Dybala, ha rilasciato un’ampia intervista in un video messaggio sulla piattaforma OTRO, dove ha parlato dei suoi idoli del passato e di quelli attuali.

SU MESSI – ” Leo è uno dei miei idoli che ho anche affrontato, preferisco averlo in squadra che come rivale ovviamente, quello che fa in campo è davvero straordinario, lo ammiro tantissimo. Fin da bambino guardavo sempre le sue partite e quando mi alleno con lui vedo come si muove e come grazie alla sua astuzia trova lo spazio che gli serve. Per me è importante averlo vicino e imparare da lui”.

SU PIRLO – “Andrea è l’unico giocatore del quale conservo la maglia in Argentina, l’ho sempre ammirato per la sua classe e per la sua eleganza in campo. Ho apprezzato il suo talento ancora di più da quando sono arrivato in Italia e purtroppo se n’è andato dalla Juve quando sono arrivato io e non mi sono potuto allenare con lui”.

SU RIQUELME – “Riquelme fu uno dei miei idoli da bambino e a casa guardavamo un sacco di partite. Mio padre tifava Boca Juniors mentre uno dei miei fratelli Indipendiente e un altro il River. Tutti volevano che tifassi per la loro squadra e dopo tutte quelle partite mi sono innamorato del suo modo di giocare e della calma che aveva in campo. Da bambino cercavo di imitarlo negli allenamenti e di fare quello che faceva lui perchè era incredibile”.

SU RONALDINHO – “Ronaldinho uguale, c’è molta rivalità tra Argentina e Brasile, soprattutto quando si parla delle Nazionali di calcio. Ma io personalmente e molti altri argentini ammiriamo Ronaldinho, per il suo talento quando gioca e anche perchè quando Leo ha iniziato ad affermarsi hanno condiviso molte cose, per questo è ammirato in Argentina”.

SU TREZEGUET – ” Ho giocato contro David quando ero all’Instituto e lui per il River. Purtroppo ha segnato e abbiamo perso, era facile capire quanto fosse forte e lo manifestava dalla qualità del suo gioco e dalla sua intelligenza in area di rigore. Ora parliamo spesso perchè lavora per la Juventus e lo vedo spesso. Lo rispetto moltissimo.

SU BENZEMA – “Ho visto Karim durante una partita tra Barcellona e Real Madrid, quando giocavo per il Palermo e se non mi ricordo male finì 2-1 per il Barca, ma la sua prestazione mi ha impressionato per la sua tecnica, per la sua intelligenza. Da quel momento ho iniziato a seguirlo, è un giocatore unico, specialmente come attaccante”. Attenzione però, perchè proprio in queste ore è arrivata anche una bomba di mercato in casa Juve. Blitz improvviso, Paratici parte in missione: clamoroso scambio in arrivo!  >>>VAI ALLA NOTIZIA

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy