Cassano: “Gol più bello? Il pallonetto a Chimenti contro la Juve”

Cassano: “Gol più bello? Il pallonetto a Chimenti contro la Juve”

L’ex attaccante ha parlato a Il Secolo XIX

di redazionejuvenews

TORINO – L’ex attaccante Antonio Cassano ha parlato a Il Secolo XIX: “Mi piacerebbe restare nel calcio, magari in area tecnica, osservatore, come direttore sportivo. Due esempi in Italia per me sono Piero Ausilio dell’Inter che è un top club e Giovanni Rossi del Sassuolo che è un club all’avanguardia. Non ho mai fatto il direttore sportivo e non posso sapere se sono bravo o meno ma mi piacerebbe contribuire a costruire un progetto, seguendo l’istinto del mio calcio. Poi chiaramente dovrò trovare qualcuno che abbia fiducia in me. Farlo nella Sampdoria? Assolutamente sì. Ferrero è un presidente molto sveglio, che sa muoversi, mi piace. Romei mi ricorda molto Galliani, competenza calcistica e manageriale. Quando io ho esordito tra i professionisti nel 1999, nella Reggina che lottava per salvarsi c’era gente come Pirlo, Cozza e Baronio. Che cosa è cambiato da allora? C’è un periodo per tutto. A quei tempi il calcio italiano era fatto di tanti numeri 10, Baggio, Totti, Del Piero, io, e tanti bravi difensori. Se Icardi fosse stato all’Inter si sarebbe trovato davanti Ronaldo e Vieri. Secondo voi avrebbe giocato? Gol più bello? Al primo posto senza dubbio il primo in assoluto, Bari-Inter del dicembre 1999. Al secondo posto un destro al volo in Nazionale con l’Irlanda del Nord, poi un gol segnato al Bologna, quando giocavo nel Parma. E infine due reti blucerchiate: il pallonetto a Chimenti contro la Juventus al Ferraris e il gol che ha deciso il derby del 2010, di testa, su assist di Lucchini”.

Juvenews.eu

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy