Casarin: “Tra giocatori e arbitri non c’è volontà di dialogo”

Casarin: “Tra giocatori e arbitri non c’è volontà di dialogo”

L’ex arbitro ha parlato

di redazionejuvenews

TORINO – L’ex arbitro PierPaolo Casarin ha parlato intervistato dai microfoni di Sportitalia.

Uno Juventino vero fa colazione con caffè e Gazzetta! Risparmia il 50% sull’edizione digitale! Segui la Juventus ogni giorno con l’edizione digitale della Gazzetta dello Sport a 9,99 al mese anziché 19,99.

“Var? E’ stato accolto benissimo da tutti comprese le squadre inglesi, che sono conservatrici per definizione. Bisogna un po’ allinearsi alla procedura che la Fifa ha imposto agli arbitri. Il Var ha un compito ben preciso, quello di evitare i grandi errori come un fuorigioco o un rigore non visto. E’ comunque una tecnologia vecchia di vent’anni, a cui fino a 2/3 anni fa tutti si opponevano. Fino al 1990 si arbitrava fermando di tutto ma, dopo quel mondiale, la Fifa per acquisire sponsor importanti ha dovuto migliorare la qualità con il ricambio generazionale, preferendo arbitri giovani all’esperienza. Oggi tra giocatori e arbitri non c’è volontà di dialogo. Ai miei tempi nessuno offendeva e, se lo faceva, andava fuori. Oggi è un abitudine, si manda a quel paese l’arbitro senza giustificazione. Espulsione Zaza giusta”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy