Cagliari-Juve, Pjanic: “Neanche il VAR mette d’accordo tutti. Radja? Ha fatto un casino e lo sa”

Cagliari-Juve, Pjanic: “Neanche il VAR mette d’accordo tutti. Radja? Ha fatto un casino e lo sa”

Il centrocampista bosniaco ha parlato dopo la vittoria nella Sardegna Arena

di redazionejuvenews
Champions League: 50 milioni per Pjanic

TORINO – Dagli spogliatoi della Sardegna Arena ha parlato ai microfoni di Premium Sport il centrocampista della Juventus Miralem Pjanic: “Il caso Nainggolan? Mi dispiace per Radja, lui ci tiene e la punizione più grande è quella di non scendere, sa di aver sbagliato e l’ho sentito. Poteva evitare, alla fine è stato penalizzato lui e la sua squadra, è un giocatore importante anche per la squadra e ha portato casini nell’ambiente, sa che ha sbagliato e spero che possa rientrare tutto il prima possibile. Ci ricorderemo di questa vittoria, è un campo difficile dove giocare, molto piccolo, dove si gioca tanto sulla fisicità e non c’era spazio. Se le partite non le sblocchi si complicano, bisogna fare i complimenti alla squadra perché in alcuni momenti conta solo vincere e oggi era una di quelle occasioni. Siamo sempre a un punto dal Napoli, vogliamo superare il prima possibile, facciamo i complimenti al Cagliari perché riesce a mettere in difficoltà l’avversario, non è stata una partita facile. Parlare di campionato falsato è un po’ esagerato, tra Medhi e Pavoletti c’è stato un duello, l’arbitro ha lasciato giocare. Io non avevo visto sul campo il rigore, oggi ci sono tanti arbitri e penso che se non riescono a mettere d’accordo tutti non so chi riuscirà a farlo. Quando si vedono le immagini il fallo può essere dato, noi però non decidiamo, ci sono arbitri e VAR, oggi ha deciso così. Noi siamo contenti di aver vinto, so che questa settimana si parlerà più di questo episodio piuttosto che dei nostri risultati. Matuidi ha detto che è stato insultato per il colore della pelle, mi dispiace per questo perché nel 2018 ci sono ancora persone così. Non ha vissuto bene questa cosa, spero che chi ha fatto questa cosa non possa più entrare in uno stadio. I primi tre mesi alla Juve è dura, è un altro ritmo e si fanno altri allenamenti, quando arrivi qua hai bisogno di tempo e ai nuovi ho detto di stare tranquilli. Stanno lavorando tanto e con le loro qualità faranno la differenza come oggi, con l’assist di Douglas e il gol di Bernardeschi, ci aiuteranno a vincere altri trofei e lo hanno capito. Il mister è il primo a dare loro tranquillità, avevano solo bisogno di tempo per ambientarsi e già da adesso sono decisivi. Per lo Scudetto la classifica parla di corsa a due, ma non si può escludere nessuno, oggi a sorpresa ha perso la Roma, conosciamo però le qualità di Inter e Roma, c’è anche la Lazio lì. Affronteremo chiunque senza paura, siamo in fiducia, ora approfittiamo di questa pausa e poi ci concentreremo sulla seconda metà di stagione che sarà molto più dura, sia nelle coppe che in campionato, dove non potremo regalare punti al Napoli”

SEGUICI ANCHE SU INSTAGRAM

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy