Allegri: “Puntiamo allo Scudetto senza distrazioni”

Allegri: “Puntiamo allo Scudetto senza distrazioni”

L’allenatore della Juventus ha parlato dal Media Center di Vinovo per presentare la sfida di domani contro la Sampdoria

di redazionejuvenews

TORINO – Massimiliano Allegri ha parlato dal Media center di Vinovo per presentare la sfida in programma domani alle 18:00 all’Allianz Stadium contro la Sampdoria.

REAL MADRID – “Al 93′ della partita è difficile mantenere la lucidità dopo ver giocato a grandi ritmi. Non mi ha turbato né il rigore né che Alex Sandro non è salito. C’è solo da fare i complimenti ai ragazzi per la bellissima partita. È stata una serata di calcio meravigliosa, la partita avrebbe meritato, anche per gli appassionati, di andare ai supplementari ma basta. Ora dopo 3 giorni che se ne parla bisogna pensare alla Sampdoria, dobbiamo portare a casa il campionato e la Coppa Italia. Abbiamo una partita importante, e di Madrid non si può cambiare niente.

RABBIA – “Giovedì ancora si parlava di Madrid, è ovvio. Venerdì ci siamo allenati, ora vediamo chi sta bene e chi scenderà in campo. Dobbiamo vincere il settimo Scudetto, abbiamo dietro il Napoli. Dobbiamo stare concentrati e puntare l’obiettivo. Domani c’è bisogno di tutti, poi dobbiamo centrare una vittoria importante per il settimo scudetto, che per Buffon, Marchisio, Lichtsteiner, Brazagli e Chiellini sarebbe il settimo. Con la Samp abbiamo perso all’andata, quindi dovremo stare attenti.”

BUFFON – “Per 20 anni è stato un esempio fuori e dentro il campo. Se per una volta, in una situazione difficile e complicata, a 30 secondi dalla fine con dei supplementari davanti ti fischiano il rigore e non ti danno la possibilità di pararlo, ci sta la sua reazione. Giudicare dalla poltrona di casa e non capire a livello psicologico quello che poteva passare Gigi in quel momento, anche per quello che aveva fatto, e per la partita, sfido qualunque persona al mondo a non avere una reazione. A freddo ci vuole calma, giudicare da fuori è facile, nelle situazioni ci si deve trovare. L’altra sera sfido chiunque a non avere una reazione. L’arbitro p stato bravo per 90 minuti, poi come nel Monopoli ha beccato la carta degli imprevisti ed è andato in confusione. L’unica cosa che ha sbagliato in tutta la serata è stato il tempo di recupero del secondo tempo: c’è stata una sola sostituzione e nessun intervento in campo, doveva dare un minuto.”

TURNOVER – “Bisogna essere tutti pronti, è come la partita con il Benevento. Li avevi perso 3-0, domani con la Samp è uguale. Oggi vedrò chi sarà al meglio, i cambi saranno importanti. Dobbiamo fare una partita di rabbia, con ordine e lucidità. Lo stadio dovrà essere il dodicesimo, tredicesimo e quattordicesimo in campo perché i 3 punti sono fondamentali.”

SAMPDORIA – “Durante la stagione ci sono partite che ti fanno cambiare e riflettere sulle cose. La squadra giocava all’inizio con due mediani, segnavamo tanto, anche per i modulo, ma per sostenere questo assetto devi avercela. La partita di Genova dell’andata mi ha fatto cambiare perché avevo bisogno di più equilibrio, anche se magari ora ricambieremo da qui a fine anno.”

FORMAZIONE – “Gioca Buffon, e anche Cuadrado. Devo valutare perché in panchina mi seviranno cambi importanti.”

HIGUAIN – “Ha giocato bene mercoledì, così come con il Benevento. Deve essere l’uomo in più per portarci allo Scudetto.”

MODULO – “Non so se giocare con Mandzukic e Higuain insieme o mettere uno dei due in panchina.”

RIPOSO – “Chiellini ha riposato a Benevento, giocherà uno tra Rugani e Benatia, dovrò scegliere a destra tra Lichtsteiner e Höwedes. De Sciglio e Bernardeschi non sono a disposizione mentre Barzagli è recuperato.”

FUTURO – “Con la società non ci siamo ancora parlati, bisognerà parlare di quello che dobbiamo fare il prossimo anno. Dovremmo fare una riunione organizzativa per il prossimo anno.”

STIMOLI – “Partite come l’altra sera fanno venire stimoli. La Juventus ti da stimoli tutti i giorni, tutti i giorni devi lavorare per vincere e fare il massimo. Abbiamo la possibilità di rimanere nella storia della Juventus, centrando Campionato e Coppa Italia per essere ricordati e scrivere la storia come una delle Juventus più forti, e non dobbiamo farcela sfuggire.”

ANNO SABBATICO – “Mi riposo dal 20 Maggio al 9 luglio, quando riprenderemo gli allenamenti con la Juventus. Poi magari per vicissitudini posso star fermo un anno, due, smettere. Ora dobbiamo portare a casa il Campionato e la Coppa Italia perché ancora non abbiamo fatto niente. Una alla volta le affronteremo per centrare i nostri obiettivi.”

REAL MADRID – “È stata una partita bella, con una squadra che non ha mollato nulla. Il livello qualitativo della Juventus deve migliorare ogni giorno. In Italia è diverso, ci sta più tattica. La partita di Madrid è una delle migliori giocate in Champions, ma in Italia non così. Anche in finale il promo tempo giocammo bene, poi nel secondo crollammo. La Juventus ora deve riadattarsi al campionato.”

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

MOURINHO LO SCARICA, MAROTTA ALLA CARICA

CHAMPIONS: LA VENDETTA ARRIVA DA UN EX

SEGUICI SU: Facebook / Twitter / Instagram

Juvenews.eu

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. albeggian_259 - 6 giorni fa

    a casa

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy