Allegri: “Buffon va in panchina, sento molte chiacchere”

Allegri: “Buffon va in panchina, sento molte chiacchere”

L’allenatore bianconero ha parlato dal Media Center di Vinovo per presentare l’anticipo di domani con il Chievo

di redazionejuvenews

TORINO – Massimiliano Allegri ha parlato dal Media Center di Vinovo per presentare l’anticipo di domani sera, che vedrà la Juventus scendere in campo al Bentegodi per sfidare il Chievo Verona.

BUFFON – “Domani Buffon è con il gruppo, ma rientrerà titolare martedì a Bergamo. Le riflessioni che sta facendo sono normali, sta rientrando ma in questo momento la priorità sua è prendere il posto da titolare e fare il suo fino a fine anno.”

SMETTERE – “Bisogna capire nella vita che ci sono altre cose. Non è semplice ma è la vita, bisogna andare avanti perché è sempre più bello guardare avanti piuttosto che indietro. Questo riposo l’ha rigenerato, anche dopo la batosta del mondiale. Ora lo aspettiamo a braccia aperte.”

DIFFICOLTÀ – “Non ci sono difficoltà nel rapportarmi con lui. Gigi non ha giocato perché era infortunato altrimenti avrebbe giocato, come farà da martedì. Poi a fine anno deciderà, con le riflessioni che sta facendo. Ora deve tornare a fare il giocatore di calcio e non pensare.”

INFORTUNATI – “Marchisio sarà a disposizione martedì, Dybala a metà della prossima settimana farà una visita per vedere se si è chiusa la cicatrice, Cuadrado mercoledì ha una visita in Germania per decidere se essere operato o no, Howedes procede, Matuidi ha solo una botta.”

CHIEVO – “Domani cambio in difesa credo, non davanti. Il Chievo viene da una brutta sconfitta, dopo le quali hanno sempre fatto grandi partite. Dobbiamo solo vincere per mettere pressione al Napoli, sarà una partita difficile e dovremmo fare una partita seria.”

FUTURO – “A pensar tanto si diventa matti, io dico sempre che meno si pensa meglio è. Sto bene alla Juventus, ho un contratto fino al 2020 e sto bene qui. Dobbiamo lavorare fino a giugno.”

SARRI – “Lunedì ero infastidito? Ho solo detto che conta il risultato, poi per ottenerlo passi certamente per la prestazione. Noi abbiamo caratteristiche diverse da tutte le altre squadre, dal Napoli, dal Tottenham, dalla Roma. Fanno un bel gioco, sono primi, quattro 1-0 nelle prime 20 non li hanno mai fatti, quindi stanno crescendo.”

HIGUAIN – “Con i tre davanti è quello che si sacrifica di più, che non sta segnando non mi preoccupa”

FORMAZIONE – “O De Sciglio o Lichtstener, e forse un turno di riposo a Chiellini. A centrocampo forse Bentancur, ma credo più Sturaro.”

ATTEGGIAMENTO – “Prendiamo meno gol perché difendiamo tutti insieme, siamo tornati a sacrificarci. Siamo solidi e dobbiamo sfruttare al meglio le occasioni che abbiamo. Dobbiamo migliorare ancora di già la fase difensiva e quella offensiva, non come numeri ma come palleggio e gestione.”

BERARDESCHI – “Gioca se giochiamo coi 4 avanti, o con i 3 al posto di Douglas Costa. La mezz’ala può farla ma deve ancora crescere.”

ALEX SANDRO – “Sta smaltendo la botta, se non gioca lui gioca Asamoah.”

HIGUAIN – “Avevo suonato la sveglia quando all’inizio non era in condizione. Ora si sacrifica, lavorato, gioca per la squadra, non ho nulla da rimproverargli. Tornerà al gol presto.”

 

Juvenews.eu

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy