Sforato il fair play finanziario: è il PSG òa prima vittima?

Sforato il fair play finanziario: è il PSG òa prima vittima?

PARIS SAINT-GERMAIN FAIR PLAY FINANZIARIO UEFA – Potrebbe mietere la prima vittima illustre il fair play finanziario varato dalla Uefa: a rischiare è il Paris Saint-Germain dell’emiro Nasser Al-Khelaifi che non ha badato a spese per portare in alto il club parigino. Come riportato dall’edizione odierna del ‘Corriere dello Sport’,…

PARIS SAINT-GERMAIN FAIR PLAY FINANZIARIO UEFA – Potrebbe mietere la prima vittima illustre il fair play finanziario varato dalla Uefa: a rischiare è il Paris Saint-Germain dell’emiro Nasser Al-Khelaifi che non ha badato a spese per portare in alto il club parigino. Come riportato dall’edizione odierna del ‘Corriere dello Sport’, a fine aprile verrà emesso il giudizio sul dossier del PSG, aperto dopo che il presidente Al-Khelaifi e il Dg Jean-Clude Blanc, lo scorso novembre erano stati chiamati dalla Federazione europea a Nyon per chiarire alcuni punti poco chiari della loro gestione, in particolar modo quelli legati al contratto stipulato con la Qta  (ufficio turistico del Qatar) che garatisce 200 milioni di introiti ogni anno, operazione fondamentale per rientrare all’interno dei parametri del fair play finanziario.

 

 

Secondo la legge, il contratto con la Qta potrebbe non bastare per coprire tutte le spese del PSG, in quanto ci sono rapporti diretti tra la proprietà del club (Al-Khelaifi) e l’ufficio turistico del Qatar che invece di diminuire, allargherebbero il defifit economico del club agli occhi della Uefa. Il Paris Saint-Germainrischia da una  semplice multa a sanzioni massime che prevedono il ritiro di un titolo, la penalizzazione, il sequestro dei proventi Uefa, il divieto di calciomercato o l’esclusione dalle coppe europee. Tutti scenari che si aprirebbero solo ed esclusivamente nel caso in cui la Uefa decidesse di usare la mano pesante. (Calciomercato.it)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy