Rifiuta la B per la propria squadra del cuore: Giampaolo in lega Pro

Rifiuta la B per la propria squadra del cuore: Giampaolo in lega Pro

Giampaolo riparte da Ascoli e dice no al Brescia.Tornare sul luogo del delitto poteva sembrare un’ammissione di colpevolezza e così Marco Giampaolo ha deciso all’ultimo di declinare l’invito del presidente Corioni a rivestire di nuovo il ruolo di allenatore del Brescia Calcio dopo aver esonerato Bergodi. Il matrimonio con le…

Giampaolo riparte da Ascoli e dice no al Brescia.
Tornare sul luogo del delitto poteva sembrare un’ammissione di colpevolezza e così Marco Giampaolo ha deciso all’ultimo di declinare l’invito del presidente Corioni a rivestire di nuovo il ruolo di allenatore del Brescia Calcio dopo aver esonerato Bergodi. Il matrimonio con le ‘Rondinelle’ lombarde, dopotutto si era consumato tra feroci polemiche e incomprensioni sia con la dirigenza che con i tifosi che di fronte ai risultati non esaltanti pretendevano un faccia a faccia col tecnico. Non difeso a sufficienza dalla società, Giampaolo preferì abdicare. E oggi, il sassolino rotola giù dalla scarpa perchè di fronte alla richiesta del Brescia ha aspettato fino all’ultimo prima di ringraziare e guardare oltre, ad Ascoli.

 

Ripartire da Ascoli – Forse anche lusingato dall’interesse del nuovo presidente Bellini e in memoria dei tempi passati, Giampaolo ha accettato di recarsi nelle Marche, per ripetere i brillanti risultati conseguiti tra il 2004 e il 2006. Quella società oggi non esiste più ma il fascino deve essere rimasto inalterato nel tempo. La nuova realtà, denominata ufficialmente Ascoli Picchio FC 1898, ha di fatto convinto il mister a firmare un triennale nella speranza di poter tornare nel grande calcio della serie A. Al Brescia semplicemente un “no, grazie” dopo che sembrava imminente un suo ritorno in Lombardia.

fonte: calcio.fanpage

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy