Icardi è un caso: ora ha la pubalgia

Icardi è un caso: ora ha la pubalgia

Icardi ha la pubalgia. E deve fermarsi ancora. Non è dato sapere per quanto tempo. Dunque, diventa un autentico “caso” per Mazzarri e per l’Inter, legato un po’ agli infortuni, un po’ agli eccessi mediatici e al gossip in cui l’attaccante si è addentrato. Perdendo di vista le peculiarità del…

Icardi ha la pubalgia. E deve fermarsi ancora. Non è dato sapere per quanto tempo. Dunque, diventa un autentico “caso” per Mazzarri e per l’Inter, legato un po’ agli infortuni, un po’ agli eccessi mediatici e al gossip in cui l’attaccante si è addentrato. Perdendo di vista le peculiarità del suo mestiere: quello di calciatore e di cannoniere.
L’Inter lo ha perso il 30 ottobre, quando a causa dei primi sintomi della pubalgia si era fermato. Sette giorni dopo, l’intervento chirurgico per risolvere il problema di ernia inguinale. Lo stop di un mese per guarire, poi la ripresa della preparazione, seppure intervallata dai viaggi in Argentina e alla miriade di foto e messaggi sul suo flirt con Wanda Nara.

Il ritorno a Milano e alla Pinetina, la breve apparizione nel derby, fra l’altro nel momento decisivo del gol di Palacio, la febbre che gli ha impedito di giocare contro la Lazio e ora la pubalgia, che lo vedrà costretto a un altro stop, non si sa di quanto. Sfortuna, certo. Ma non è solo quella. Nei suoi primi sei mesi all’Inter, Icardi ha collezionato 9 presenze e ha segnato 2 gol. Così, si è tornati a pensare a Marco Borriello per puntellare un attacco che, Palacio a parte, è davvero in difficoltà.

fonte: sportmediaset

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy