CRONACA – Tragedia in campo, muore…

CRONACA – Tragedia in campo, muore…

Tutto è successo nell’arco di pochi minuti, troppo poco tempo perché ci si rendesse conto della gravità della situazione. Ieri Roberto Vulpes, 46 anni, è andato con i suoi tre figli al campo Ca’ de Rissi. Il più piccolo dei tre, otto anni, doveva disputare un’amichevole con i pulcini del …

Tutto è successo nell’arco di pochi minuti, troppo poco tempo perché ci si rendesse conto della gravità della situazione. Ieri Roberto Vulpes, 46 anni, è andato con i suoi tre figli al campo Ca’ de Rissi. Il più piccolo dei tre, otto anni, doveva disputare un’amichevole con i pulcini del Molassana contro ilBaiardo.

Gli altri due fratelli, di 11 e 13 anni, entrambi giocatori delle giovanili della Sampdoria, erano anche loro al campo in attesa di andare allo stadio Luigi Ferraris a vedere i blucerchiati impegnati contro il Torino.

Roberto Vulpes, commerciante di frutta e verdura con un banco al Mercato Orientale di via Venti Settembre e grande appassionato di calcio, è arrivato al Ca’ de Rissi in anticipo. La partita del figlio è iniziata regolarmente alle 10. Poco prima però il 46enne si è recato al bar del centro sportivo per essere soccorso.

 

Vulpes ha accusato un forte dolore al petto, ma sulle prime pensava si trattasse di una congestione. Solo dopo l’insistenza degli amici, ha accettato di farsi accompagnare in auto all’ospedale. Durante il tragitto verso il pronto soccorso dell’ospedale Galliera, all’incirca all’altezza di via Bobbio, Roberto ha perso i sensi.

Chi era con lui ha capito la gravità della situazione e ha chiamato un’ambulanza, ma ormai era troppo tardi. Nel frattempo al campo tutti sono divisi fra il dolore e il cercare di prendersi cura dei figli di Roberto, per ora ignari della tragedia avvenuta poco prima.

Dopo alcune ore diventa impossibile mascherare la tristezza e la notizia viene data anche ai tre giovani calciatori. Anche Lucia, la moglie di Vulpes, viene informata dell’accaduto e subito amici e parenti si precipitano a casa della famiglia per starle accanto.

Roberto Vulpes sembra essere morto per un attacco cardiaco. La sua scomparsa ha suscitato profondo sgomento e tristezza prima al campo di calcio e poi in tutta la zona. Molti si interrogano sull’accaduto, rammaricandosi per non aver chiamato prima i soccorsi. Ma ora l’importante è stare accanto alla famiglia, colpita da una tragedia difficile da superare.

genovatoday.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy