Che autogoal per Ibrahimovic: disertato l’incontro con un bimbo malato

Che autogoal per Ibrahimovic: disertato l’incontro con un bimbo malato

TORINO – Forse vincerà il Pallone d’Oro per quanto sta facendo vedere sul campo, ma stavolta è un episodio extracalcistico a segnare negativamente la fama di Zlatan Ibrahimovic. Il fuoriclasse del Psg, infatti, non si è presentato all’incontro con un ragazzino bosniaco di 8 anni, malato grave di leucemia dall’età…

TORINO – Forse vincerà il Pallone d’Oro per quanto sta facendo vedere sul campo, ma stavolta è un episodio extracalcistico a segnare negativamente la fama di Zlatan Ibrahimovic. Il fuoriclasse del Psg, infatti, non si è presentato all’incontro con un ragazzino bosniaco di 8 anni, malato grave di leucemia dall’età di 2 anni.

Tutto nasce un mese fa, come raccontato dai quotidiani locali. Una Sarajevo vestita a festa attendeva l’arrivo di Ibra, svedese originario proprio della Bosnia, per un abbraccio al piccolo Hajrudin, il protagonista di questa storia.

Qui la prima diserzione dell’attaccante che, invece di recarsi personalmente sul posto, sceglieva di inviare al ragazzo una sua maglia autografata, accompagnata da un video messaggio in cui si scusava per l’assenza, dovuta agli impegni professionali.

A questo punto, Hajrudin, scortato dalla madre, decide di raggiungere Ibra direttamente a Parigi, guadagnandosi anche una conferma da parte del Psg: sì, il fatidico incontro, organizzato da un’attivista umanitaria bosniaca e finanziata da un anonimo calciatore bosniaco, ci sarebbe stato.

Il piccolo assiste così dal vivo ad una gara dei parigini, a cui però Ibra non prende parte per infortunio. L’ex milanista non raggiungerà il suo mini-ammiratore nè alla partita, in tribuna d’onore, nè nei successivi due giorni di permanenza di Hajrudin nella capitale francese. Una figuraccia completa.

 

(Goal.com)

 

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy