CASO DI CATALDO: LA MOGLIE PUBBLICA LE FOTO DELLE PERCOSSE

CASO DI CATALDO: LA MOGLIE PUBBLICA LE FOTO DELLE PERCOSSE

ROMA – Il caso Di Cataldo finisce nell’inchiesta della procura di Roma. Tutto si giocherà sulle fotografie pubblicate dall’ex compagna Anna Laura Millacci su Facebook e su quelle del settimanale ‘Oggi’ che ritraggono la donna a una festa in un locale romano la stessa notte della lite con il cantante.…

ROMA – Il caso Di Cataldo finisce nell’inchiesta della procura di Roma. Tutto si giocherà sulle fotografie pubblicate dall’ex compagna Anna Laura Millacci su Facebook e su quelle del settimanale ‘Oggi’ che ritraggono la donna a una festa in un locale romano la stessa notte della lite con il cantante. La versione di Anna Laura, dunque, non convince.

La vicenda, la “bolla mediatica” era scoppiata proprio quella sera, il 20 luglio scorso quando Anna Laura Millacci ha denunciato pubblicamente su Facebook di aver subito percosse postando anche delle foto in cui lei appariva con il volto sanguinante.

LO SFOGO DI ANNA LAURA Anna Laura Millacci intanto su Facebook si sfoga: “Voglio rompere un po’ le scatole perché visto gli inquirenti qui son venuti a prendere le foto postate e hanno mandato questa denuncia avanti, ora voglio che si sbrighino… perché il mio lavoro è fermo — spiega la donna — e vorrei ricominciare a fare una vita normale. Ma non riesco a farlo se su questa storia non viene data una perizia autorevole e scientifica.”

“Posso aspettare, non ho fretta, so come sono andate le cose — scrive Anna Laura — ed ho tutte le prove. Lasciamo pure che la gente parli ed immagini su questa storia fantasie di tutti i tipi o si diletti ad esprimere sentenze da giudice, da perito o medico legale”.


LA REAZIONE DEL CANTANTE sua Massimo Di Cataldo continua a rispondere alle accuse: “La mia carriera è stata sconvolta — spiega l’artista — perché il 20 luglio dovevo presentare il mio nuovo singolo durante la serata in cui ricevevo un premio alla carriera e non solo non l’ho eseguito ma ho pure rimandato l’uscita”. Il cantante non ci sta a passare per carnefice. Ho subito una aggressione mediatica — continua Di Cataldo — ma sono sicuro di non aver fatto nulla e i magistrati spero presto acclarino la verità perché se è vero che abbiamo litigato in modo acceso quel giorno urlando è anche vero che io non l’ho aggredita.”

“Quando sono uscito di casa Anna Laura non aveva segni sul viso… Rimane la madre di mia figlia e non voglio — taglia corto il cantante — aggiungere benzina sul fuoco. Spero di ritrovare serenità ributtandomi sul lavoro e per questo pubblicherò su iTunes, fra due settimane, il singolo che doveva uscire il 23 luglio.”

FONTE: LEGGO.IT

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy