Cartellino rosso e atti osceni allo stadio

Cartellino rosso e atti osceni allo stadio

Ci sono tanti modi di reagire a un cartellino rosso che l’arbitro ti sventola in faccia. F.S.C. studente universitario a Chieti, ha scelto un modo insolito che gli è costato una denuncia per atti osceni in luogo pubblico. L’episodio è avvenuto domenica scorsa a Pianella (Pescara) durante la partita del…

Ci sono tanti modi di reagire a un cartellino rosso che l’arbitro ti sventola in faccia. F.S.C. studente universitario a Chieti, ha scelto un modo insolito che gli è costato una denuncia per atti osceni in luogo pubblico.

L’episodio è avvenuto domenica scorsa a Pianella (Pescara) durante la partita del campionato di Prima Categoria Abruzzo fra la formazione di casa e la squadra di Manoppello. Il giocatore, espulso per proteste a metà del prima tempo, è prima andato negli spogliatoi per una doccia, poi è rientrato in campo e si è diretto nei pressi dell’area dove si trovavano circa 40-50 supporter del Manoppello.

F.S.C. originario della provincia di Lecce, ha cominciato ad inveire contro arbitro e tifosi ospiti. Loro hanno risposto alla provocazione con fischi, urla ed insulti e lui per tutta risposta si è abbassato i pantaloni della tuta.

L’episodio si è ripetuto più volte ed il siparietto ha avuto fine solo grazie all’intervento dei carabinieri che hanno bloccato sul nascere il tentativo di fuga del giovane.

(fonte ilsecoloxix.it)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy